Il cammino della Congregazione Suore delle Poverelle Istituto Palazzolo


Download 445 b.
Sana03.03.2017
Hajmi445 b.


Il cammino della Congregazione

  • Suore delle Poverelle Istituto Palazzolo


…dal 22 maggio 1869, fino ad oggi



La nascita della Famiglia

  • "1869, 22 maggio celebrata per tempissimo la messa nella chiesina dell'Oratorio di San Filippo Neri, il Sac. Luigi Palazzolo, in compagnia di Teresa Gabrieli, Caterina Broletti e Serafini Maria, si ritirarono nella stanza destinata per chiesina della casa che si voleva fondare delle Suore delle Poverelle e genuflessi innanzi alle immagini dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, fecero le loro offerte e le loro promesse. Questo fu il principio della casa delle Suore delle Poverelle di Santa Dorotea, fu questa l'apertura della casa".



L’atto di consacrazione di Teresa Gabrieli



Lo spirito della casa

  • “Io cerco e raccolgo il rifiuto di tutti gli altri: perché dove altri provvede lo fa assai meglio di quello che io posso fare. Ma dove altri non giunge, cerco di fare qualche cosa io così come posso”

  • Lo stile di vita è un “fare famiglia” tra Suore, orfanelle, orfani, Fratelli della Sacra Famiglia nella semplicità e concretezza del quotidiano, in serena obbedienza alla comune legge del lavoro



  • “Siano ben persuase le Suore delle Poverelle che dovranno avvolgersi continuamente fra i poveri e amare i poveri”

  • La forza e la gioia del “fare bene e volentieri quel poco che si può” si traduce nel “prendersi a cuore” la vita di chiunque è nel bisogno

  • “Adopera tutti quei modi che la Carità di Cristo ti insegnerà”



Servizi offerti durante il mandato di Madre Teresa Gabrieli

  • Il numero dei servizi esistenti non coincide con il numero delle Case, perché in una Casa esistono più espressioni di servizio



Con Madre Teresa le Poverelle…

  • Ascoltano prevalentemente la voce dei piccoli prodigandosi in asili, oratori, orfanotrofi e scuole di lavoro

  • Non dimenticano di prendersi a cuore la salute fisica dei bambini tignosi, di malati e anziani e la salute morale di ragazze e donne che lavorano nelle filande



Alla morte del Palazzolo (1886) quando madre Teresa subentra alla guida della nuova Famiglia, la Congregazione ha 17 anni di vita; è composta da 14 comunità, 59 suore (15 erano già morte), un piccolo e incerto gruppo di Fratelli della S. Famiglia e tante bocche da sfamare, con risorse spesso agli sgoccioli

  • Alla morte del Palazzolo (1886) quando madre Teresa subentra alla guida della nuova Famiglia, la Congregazione ha 17 anni di vita; è composta da 14 comunità, 59 suore (15 erano già morte), un piccolo e incerto gruppo di Fratelli della S. Famiglia e tante bocche da sfamare, con risorse spesso agli sgoccioli

  • Madre Teresa, nei 22 anni che resterà alla guida della Congregazione, sosterrà con coraggio e pazienza il cammino delle comunità, incoraggiando sempre al servizio generoso ed umile verso i più poveri, i più abbandonati



Madre Generosa Bruttomesso 1908 – 1938

  • Madre Generosa Bruttomesso (13.3.1873 – 6.3.1938) alla morte di Madre Teresa Gabrieli nel 1908 ha 35 anni ed è suora delle Poverelle solo da cinque. Trova una Congregazione ancora di diritto diocesano, ma giovane e in espansione: 34 sono le comunità e 217 le suore; quando la lascerà, nel 1938, le comunità sono diventate 136 e le suore 716

  • Unita alle sue suore, vive tempi particolarmente difficili



  • I bisogni dei poveri sono evidenti in tempi segnati

    • dalla guerra e dalle sue conseguenze
    • dall’emigrazione e urbanizzazione selvaggia che moltiplica i profughi nelle periferie delle città
    • dal regime fascista che crea illusioni e nuove povertà
  • 1919: la Congregazione diventa di Diritto Pontificio

    • il Carisma assume la dimensione dell’universalità
  • 1934: la Congregazione è riconosciuta dallo Stato Italiano

    • il servizio delle Poverelle acquista maggiore valenza sociale


Servizi offerti durante il mandato di Madre Generosa Bruttomesso



Comunità aperte dal 1908 al 1914



Comunità aperte durante la prima guerra mondiale



Comunità aperte dal 1920 al 1923



Comunità aperte dal 1924 al 1927



Comunità aperte dal 1927 al 1930





Comunità aperte dal 1935 al 1938





Con Madre Generosa le Poverelle…

  • servono i poveri

    • pronte ad intervenire nell’emergenza
    • con forme e mezzi rispondenti alle esigenze dei luoghi
    • con attenzione al bisogno che cambia
    • in obbedienza alle direttive della Chiesa
    • con la preoccupazione che non si perda lo spirito dei Fondatori
  • L’emigrazione svuota i paesi, spesso con fortissime perdite umane e con il moltiplicarsi di orfani e persone sole

  • Le Poverelle, aprendo asili e cucine economiche ed offrendo assistenza medica e spirituale condividono la sorte di questi fratelli e sorelle …



Madre Fiorina Freti 1938 - 1952

  • Madre Fiorina Freti (7.12.1898 – 28.3.1973) guida la Congregazione nel difficile periodo della seconda guerra mondiale e della ricostruzione; sulla scia di Madre Generosa, dà impulso alle molte opere già esistenti e orienta il servizio delle suore verso nuovi bisogni

  • Madre Fiorina nel 1950 prepara e decide la partenza verso l’Africa: le prime quattro missionarie “ad gentes” toccheranno il suolo africano nel 1952

  • Quando il suo mandato si conclude, la Congregazione conta 161 case e le suore sono 1151



In nome e con la forza del carisma si sceglie di “restare accanto” ai più provati anche a rischio della vita

  • In nome e con la forza del carisma si sceglie di “restare accanto” ai più provati anche a rischio della vita

  • Durante la seconda guerra mondiale:

    • si vive con la gente la paura e i disagi dei bombardamenti
    • si tutela la vita degli ebrei e dei ricercati politici fino a sperimentare il carcere
    • si interviene a curare i soldati feriti, anche in Germania
  • Nel periodo della ricostruzione

    • si sostiene la speranza nella possibile ricostruzione
    • si inventano modi e luoghi per far crescere il bene comune
    • si lavora per mantenere la pace e la disponibilità al perdono
    • si realizza il sogno della missionarietà “ad gentes”


Servizi offerti durante il mandato di Madre Fiorina Freti



Aperture e chiusure di servizi durante il mandato di Madre Fiorina









Con Madre Fiorina le Poverelle…

  • si giocano in prima persona

    • avvolgendosi tra i poveri, condividendone i disagi
    • lavorando con creatività e spirito di sacrificio per la ricostruzione
    • tenendo viva tra i fratelli la fiducia nella Provvidenza e nella possibilità di un futuro migliore
  • Una forte spiritualità e un vivo senso di appartenenza alla Chiesa e alla società portano le suore ad amare Dio nei fratelli sostenendoli nell’impegno a “riparare” e perdonare



Madre Angela Francoli 1952 – 1971

  • Madre Angela Francoli (29.1.1912 – 7.12.1971) vive un lungo ed impegnativo mandato, nella prima parte caratterizzato dal consolidare la scelta della missione “ad gentes” e dal rafforzare la presenza nel sud d’Italia

  • Intorno agli anni ‘60 la Congregazione raggiunge la punta massima della sua espansione:

    • le Suore sono 1438 e le Case 240
  • Quando nel 1971 Madre Angela passa il testimone a Madre Pieraldina le suore sono 1333 e le Case 226



  • Lo stile del vivere e del servire è segnato dalla tensione a comprendere i “segni dei tempi”, a fare il bene con cuore largo

    • personalizzando i servizi
    • adeguando le strutture alle mutate esigenze dei poveri
    • curando la preparazione professionale delle suore
  • 19 marzo 1963 Don Luigi Palazzolo è proclamato Beato da Papa Giovanni XXIII: la Congregazione vede così finalmente coronati i suoi sogni e i suoi sacrifici. L’evento suscita un più vivo senso di appartenenza alla Chiesa e una rinnovata passione per i più poveri

  • La pronta obbedienza alle direttive del Concilio Ecumenico Vaticano II° porta la Congregazione

    • a ritornare alle fonti
    • alla revisione delle costituzioni
    • alla suddivisione in Province


Con Madre Angela le Poverelle…

  • in una attenzione cordiale ai “segni dei tempi” e in una prudente apertura alle novità

    • riprendono il cammino delle origini
    • si accostano con interesse agli scritti dei Fondatori e ai testi Conciliari
    • apprendono, con il decentramento, un nuovo modo di essere Famiglia
  • In un contesto di boom economico che va delineando un nuovo modello di politica sociale le Poverelle accentuano la dimensione educativa del servire e il coinvolgimento di altri nell’opera di carità



Servizi offerti durante il mandato di Madre Angela Francoli



Madre Pieraldina Cusini 1971 - 1983

  • Madre Pieraldina Cusini (27.6.1924 - 23.10.1999) si trova a vivere il momento innovativo e problematico del Concilio

  • Attraverso assemblee di studio e di confronto accompagna la Congregazione in una vera e propria “operazione discernimento” che tocca sì la fedeltà al Carisma come spiritualità, ma che va a definire soprattutto la scelta operativa di campo

  • Al termine del suo mandato le case sono 173 e le suore 1229



  • La forza e l’attualità del Carisma si esprime nella sintesi:

    • COME LUI, il Signore crocifisso, ignudo sulla croce
    • CON LORO e PER LORO, i poveri, gli ultimi di tutti i tempi e di tutti i luoghi
  • La verifica delle opere è per servire, da povere tra i poveri:

    • con una presenza pastorale, nelle zone povere e nelle missioni, più attenta all’evangelizzazione
    • in collaborazione con le Caritas e con quanti condividono il Carisma
    • riqualificando la professionalità delle suore
  • 19 marzo 1977 nasce la Fraternità Don Luigi Maria Palazzolo: una Associazione di laici che vive l’esperienza di fede e di servizio ai poveri nella Chiesa, secondo il Carisma del Palazzolo



Servizi offerti durante il mandato di Madre Pieraldina Cusini



Con Madre Pieraldina le Poverelle…

  • Si fanno “voce di chi non ha voce”

    • nella contemplazione amorosa di Gesù che dà la vita per i suoi
    • nella semplicità dei rapporti e nella condivisione delle responsabilità
    • in una attenzione carica di premura alla globalità della persona
  • Uno stile di vita più povero ed essenziale rende maggiormente libere di ripartire davvero dagli ultimi e diventa testimonianza di un fecondo ed evangelico adattamento ai tempi che cambiano



Madre Gesuelda Paltenghi 1983 - 1995

  • Madre Gesuelda Paltenghi si ritrova una Congregazione chiamata a fare i conti con molte opere, il progressivo invecchiamento delle Suore e la diminuzione delle vocazioni. In forza di una sua particolare apertura all’universalità sostiene e favorisce ad ampio raggio presenze e servizi

  • Un evento di mistero e di dolore segna la vita della Congregazione: in Congo, da fine aprile a fine maggio 1995, 6 Suore, fedeli al mandato carismatico di avvolgersi tra i poveri anche in tempo di malattie contagiose e di peste, muoiono a causa del virus ebola

  • Al termine del suo mandato le Suore sono 998 e le Case 145



  • La spiritualità del quotidiano aperta alla dimensione ecclesiale ed universale trova il suo riferimento in Gesù, missionario del Padre, che nulla riserva per Sé, ma tutto si dona, in filiale obbedienza e fiducioso abbandono, al volere di Dio

  • La comunità diviene sempre più un luogo in cui vivere e servire con libertà interiore, serenità, dialogo rispettoso e valorizzazione dei doni di ciascuna sorella

  • Per dare “dimensioni nuove” al mandato carismatico, si studia e si avvia un piano di ridimensionamento

    • che favorisca il riservatevi per i più poveri
    • che, accanto alle necessarie chiusure, preveda l’apertura di piccole “presenze-segno” capaci di dire la grandezza dell’Amore di Dio
    • che promuova un nuovo stile di missionarietà


Servizi offerti durante il mandato di Madre Gesuelda Paltenghi



Con Madre Gesuelda le Poverelle…

  • Esprimono il loro essere “minoranza profetica”

    • costruendo una vita fraterna attorno agli elementi essenziali della Consacrazione e della Missione
    • testimoniando comunitariamente il vangelo dentro la comunità ecclesiale e civile
    • mettendosi alla scuola dei poveri per recuperare un genere diverso di vita e di relazioni
  • Il cammino per una “fedeltà dinamica” richiede una forza che viene dall’alto e la disponibilità da parte di tutti a “mettersi in gioco” a rischiare per Dio, per il Vangelo, per i poveri, i non raggiunti da altri



Madre Casta Perazzolo 1995 … 2007

  • In un mondo che si scopre “villaggio globale” la Congregazione si trova ad affrontare la sfida dell’interculturalità e di una collaborazione sempre più consistente con i laici

  • Il Giubileo del Duemila, che introduce la Chiesa nel terzo millennio, provoca le Poverelle ad essere, con la loro vita e con le loro scelte, segni credibili di una speranza cristiana sorgente di futuro



  • Il primato di Dio e la trasparenza della sua carità nelle opere sostiene ed anima

    • una spiritualità di comunione, fondata sull’ascolto della Parola di Dio, che qualifica identità ed appartenenza
    • un “intervenire-adattarsi-ritirarsi” che fa trovare il coraggio di scelte nuove e l’umiltà di lasciare posto ad altri
  • La prospettiva di riportare l’attenzione ai poveri e agli emarginati al cuore della missione della Chiesa guida e sostiene il difficile passaggio del “lavorare in proprio” al “lavorare con altri” ed apre nuovi scenari di collaborazione nei servizi e di compartecipazione delle idealità carismatiche



Servizi offerti durante il mandato di Madre Casta Perazzolo



Con Madre Casta le Poverelle…

  • Danno volto alla “fantasia della carità”

    • offrendo quotidiana testimonianza della passione per Dio e per l’umanità
    • riconoscendo e valorizzando l’apporto di altre culture e vocazioni
    • sperimentando nuove modalità di gestione delle nostre opere per i poveri
    • collaborando attivamente con altri organismi caritativi
  • Sostenute dalla certezza che la nostra ricchezza è la povertà con la confidenza in Dio, con umiltà e coraggio, osano aprirsi a nuovi orizzonti per essere là, dove il Signore chiama, segno della misericordia e delle tenerezza di Dio per i fratelli più poveri



La Famiglia delle Poverelle, oggi …



  • è presente in 3 continenti e in 9 nazioni





  • Rende presente l’amore misericordioso e la tenerezza di un Dio veramente innamorato degli uomini:

    • nelle Case di Riposo, negli ospedali, nei servizi per la disabilità fisica e psichica
    • nei Centri di Pronto Intervento e nelle Case Famiglia per bambini e donne in grave situazione di marginalità
    • nelle scuole primarie e nei doposcuola
    • nei dormitori pubblici, nelle carceri e nei centri per adulti in difficoltà


    • a sostegno di iniziative caritative della Chiesa locale
    • nelle parrocchie, nella pastorale giovanile e sul territorio, in zone povere e periferie di città


    • nei territori di missione
      • Congo
      • Costa d’Avorio
      • Malawi
      • Brasile
      • Kenia
      • Burkina
      • Perù


  • Condivide la grazia e la forza del Carisma con i laici che hanno a cuore la sorte dei poveri e che, nella Fraternità, assumono come propri la spiritualità e lo stile di vita del Palazzolo in:

    • Italia
    • Congo
    • Brasile
    • Costa d’Avorio
    • Malawi


Quanta cura ha di noi l’Amabilissimo Gesù!... e tutto per mano dei poveri!... È cosa prodigiosa don Luigi Palazzolo

  • Quanta cura ha di noi l’Amabilissimo Gesù!... e tutto per mano dei poveri!... È cosa prodigiosa don Luigi Palazzolo

  • State con i poveri che allora Dio vi provvederà madre Teresa Gabrieli

  • Benedici Dio e servilo con allegrezza don Luigi Palazzolo

  • Vivi felice madre Teresa Gabrieli






Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling