Inattività fisica, scorretta alimentazione, soprappeso e/o obesità, abuso di alcol e tabagismo sono i principali fattori di rischio per lo sviluppo di malattie croniche non trasmissibili


Download 445 b.
Sana14.08.2018
Hajmi445 b.



Inattività fisica, scorretta alimentazione, soprappeso e/o obesità, abuso di alcol e tabagismo sono i principali fattori di rischio per lo sviluppo di malattie croniche non trasmissibili (malattie cardiovascolari, tumori, malattie respiratorie croniche, diabete mellito)

  • Inattività fisica, scorretta alimentazione, soprappeso e/o obesità, abuso di alcol e tabagismo sono i principali fattori di rischio per lo sviluppo di malattie croniche non trasmissibili (malattie cardiovascolari, tumori, malattie respiratorie croniche, diabete mellito)



MALATTIE CRONICHE

  • 86% dei decessi

  • 77 % degli anni di vita in salute persi

  • 75% dei costi sanitari

  • in Europa e in Italia

  • Fonte: OMS - 2005



MALATTIE CRONICHE: UNA SFIDA PER IL SISTEMA SANITARIO

    • Cambiamenti degli stili di vita
    • Aumentata diffusione
    • Invecchiamento della popolazione
    • Aumentato peso di disabilità e mortalità
    • Alti costi economici
    • Carenza di risorse economiche dedicate alla prevenzione
    • Futura insostenibilità dei costi per il Sistema salute


MALATTIE CRONICHE: UN’OPPORTUNITÀ DI CAMBIAMENTO PER IL SISTEMA PAESE

    • I fattori di rischio sono ben conosciuti
    • È possibile attuare strategie preventive
    • È possibile un’assunzione di responsabilità da parte delle Istituzioni e dei gruppi di interesse coinvolti rispetto al benessere di tutti i cittadini
    • Sono necessarie politiche intersettoriali perché le soluzioni non sono esclusivamente dentro il “sistema salute”
    • Il “sistema salute” può guidare il processo di cambiamento


  • DPCM 4 maggio 2007

  • Un programma d’azione condiviso e coordinato per contrastare i quattro principali fattori di rischio di malattie croniche nel nostro paese:

  • inattività fisica, scorretta alimentazione, soprappeso e/o obesità, abuso di alcol e tabagismo



Un’azione etica per:

  • Un’azione etica per:

  • garantire l’equità per tutti i cittadini creando condizioni sociali ed ambientali senza discriminazioni

  • proteggere le fasce più deboli per età (bambini, anziani) e per condizioni socio-economiche

  • razionalizzare l’uso delle risorse e sostenere il SSN



  • Una strategia globale con interventi intersettoriali

  • Condivisione di obiettivi

  • Definizione e individuazione di responsabilità

  • Azione coordinata sui fattori di rischio

  • Approccio socio-sanitario,economico,

  • ambientale

  • PROGRAMMAZIONE CONCERTATA



INTERSETTORIALITA’

  • Perché?

  • La prevenzione esclusivamente sanitaria non è efficace

  • La responsabilità per la salute deve essere sia dell’individuo sia degli “stakeholders” coinvolti

  • Solo la sinergia di strategie intersettoriali funziona

  • La salute deve essere prioritaria in tutte le politiche



INTERSETTORIALITA’

  • Perché?

  • Per costruire una cultura condivisa in cui la “salute” diviene preoccupazione globale del Paese e non solo del sistema sanitario

  • Per sviluppare azioni integrate sui fattori di rischio e sui loro determinanti

  • Per promuovere la salute dei cittadini, trasformando “buone pratiche” in interventi consolidati ed attivando nuove sinergie, tra sistemi, competenze, responsabilità in settori diversi



LA SALUTE IN TUTTE LE POLITICHE



UNA NUOVA STRATEGIA PER LA SALUTE

  • Mettere le persone al centro dell’agire

  • informare

  • educare

  • assistere

  • stimolare la responsabilità individuale

  • I cittadini diventano partner

  • attivi della promozione della salute









  • Il Protocollo con la Pubblica Istruzione prevede l’attivazione di programmi di formazione per gli insegnanti, di educazione e promozione della salute, di un sistema di sorveglianza sugli stili di vita dei bambini, e di campagne di informazione-comunicazione

  • OBIETTIVI

  • Attivare programmi di formazione su tematiche di interesse prioritario

  • Favorire la diffusione di interventi di educazione alla salute e promozione di stili di vita salutari per la prevenzione di comportamenti a rischio

  • Supportare l’attivazione di un sistema di sorveglianza nutrizionale, sugli stili di vita e su alcuni aspetti della salute dei bambini e degli adolescenti

  • Accordi di Collaborazione con gli Uffici Scolastici Regionali di Lazio e Piemonte















IL PROTOCOLLO D’INTESA con il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive 19 settembre 2007

  • OBIETTIVI

  • Sensibilizzare la popolazione, in particolare i giovani, sulla importanza di uno stile di vita attivo

  • Favorire il “movimento” a tutte le età, riducendo disuguaglianze ed esclusione sociale di alcune fasce di cittadini

  • Favorire la pratica sportiva delle persone diversamente abili o portatrici di ritardo, disagio o malattia mentale

  • Contrastare i fattori socio-culturali implicati nell’insorgenza e nella diffusione dei disturbi del comportamento alimentare



PROGETTO NAZIONALE DI PROMOZIONE DELL’ATTIVITA’ MOTORIA

  • Coinvolte sei regioni:

  • Veneto ULSS 20 – Verona (Capofila)

  • Piemonte

  • Emilia Romagna

  • Marche

  • Lazio

  • Puglia



IL PROTOCOLLO D’INTESA con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali 12 marzo 2008

  • OBIETTIVI

  • Sensibilizzare la popolazione, e in particolare i giovani, sulla rilevanza di una corretta alimentazione

  • Sostenere politiche commerciali orientate a favorire comportamenti salutari attraverso interventi sulle dinamiche dell’offerta e attraverso una puntuale informazione sui prezzi medi dei prodotti alimentari

  • Valorizzare e promuovere la dieta mediterranea, ricca di vegetali, per i suoi effetti positivi sulla salute e quale stile di vita unico al mondo

  • Incoraggiare i produttori a mantenere standard di qualità elevati



Prevede interventi sulla produzione e sull’offerta di alimenti, sulla pubblicità, sull’etichettatura, sulla promozione del consumo di frutta e verdura attraverso la distribuzione automatica

  • Prevede interventi sulla produzione e sull’offerta di alimenti, sulla pubblicità, sull’etichettatura, sulla promozione del consumo di frutta e verdura attraverso la distribuzione automatica

  • OBIETTIVI

  • Favorire la diffusione di dati sulle abitudini alimentari della popolazione

  • Sviluppare la produzione e l’offerta di alimenti salutari

  • Promuovere codici di autoregolamentazione sulla pubblicità

  • Promuovere il consumo di frutta e verdura fresca, anche attraverso una migliore offerta nella distribuzione automatica

  • Migliorare la qualità delle informazioni presenti sulle etichette dei generi alimentari





IL PROGETTO “FORMEZ”

  • Esperienze intersettoriali delle comunità locali per Guadagnare Salute

  • http://win.aegov.com/survey/salute.asp





FORMEZ attività in Veneto

  • 29 progetti correlati con il programma regionale di lotta alla sedentarietà:

  • Promozione dell’attività fisica e lotta alla sedentarietà (Regione Veneto – DP ULSS 20)

  • Prevenzione cardiovascolare primaria e delle recidive (Regione Veneto – DP ULSS 20)

  • La salute nel movimento (Comune di Verona, DP ULSS 20, Università di Verona)

  • Raccogliamo Miglia Verdi (Comune di Verona)

  • Promuovere il movimento per migliorare l’autonomia nella BPCO (Ulss 20, Università di Verona)

  • Intervento di promozione della salute fisica nel centro di salute mentale di Verona Sud (Università di Verona, DP ULSS 20)



FORMEZ attività in Veneto

  • Concorso “Piccoli cittadini per grandi strade”

  • Attività fisica nel paziente con diabete di tipo due (Università di Verona / Azienda Ospedaliera di Verona, DP ULSS 20)

  • Progetto Wave (DP Ulss 20, Università di Verona)

  • La città che cammina (Comune di Verona, DP ULSS 20, Università di Verona)

  • Pedala che ti passa (Federazione Italiana Amici della Bicicletta, DP ULSS 20)

  • Life-styles (I.C.S. Bartolomeo Lorenzi - Fumane- Verona)

  • Cosa si perdono i sedentari?! (I.C.S. Bartolomeo Lorenzi - Fumane- Verona)



FORMEZ altre attività in Veneto

  • Diamoci una mossa (UISP – più regioni) – af/alimentaz.

  • Cittadinanzattiva Onlus (più regioni) - af/alimentaz.

  • Cammina cammina (Ulss 3) – af/alimentaz./fumo

  • Nutrilandia (Ulss 4) - af/alimentaz

  • Isola in forma (Ulss 6) - af/alimentaz

  • Salute è benessere (Ulss 6) - af/alimentaz

  • Terza età in movimento (Ulss 6) – af/alimentaz.

  • Pedibus (Ulss 7) - af



FORMEZ altre attività in Veneto

  • Dieta e attività fisica nel diabetico (Ulss 8)

  • Crescere con lo sport (Ulss 10) - af

  • Nutrilandia (Ulss 19) - af/alimentaz

  • Salute a tavola (Ulss 21) – af/alimentaz.

  • Progetto merenda sana (Ulss 21) – af/alimentaz.

  • Gruppi cammino guidato – Comune Casteldazzano

  • Più sani più in forma – Circolo didattico legnago

  • Più movimento più salute – Associazione Chioggia









Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2019
ma'muriyatiga murojaat qiling