La società italiana risulta dalla guerra profondamente mutata: i contadini, le donne, i giovani borghesi, gli operai si mobilitano per cambiamenti sostanziali che ne migliorino le condizioni e l’accesso alla politica


Download 461 b.
Sana14.08.2018
Hajmi461 b.







La società italiana risulta dalla guerra profondamente mutata: i contadini, le donne, i giovani borghesi, gli operai si mobilitano per cambiamenti sostanziali che ne migliorino le condizioni e l’accesso alla politica.

  • La società italiana risulta dalla guerra profondamente mutata: i contadini, le donne, i giovani borghesi, gli operai si mobilitano per cambiamenti sostanziali che ne migliorino le condizioni e l’accesso alla politica.

  • I nazionalisti sono profondamente scontenti del risultato degli accordi di pace e rivendicano il possesso italiano dell’Istria. Per loro la vittoria era risultata «mutilata». Nasce il Partito comunista italiano

  • di Antonio Gramsci e Amadeo Bordiga (1921).



Un uomo politico spregiudicato e ambizioso, Benito Mussolini, che era stato espulso dal Partito socialista per aver sostenuto la necessità dell’intervento in guerra dell’Italia, cercò di trarre profitto dallo scontento generale fondando un nuovo partito, il Partito fascista. Questo prometteva di far tornare l’ordine in Italia e dichiarava di proporsi, al di sopra di ogni altro fine, il bene della patria.

  • Un uomo politico spregiudicato e ambizioso, Benito Mussolini, che era stato espulso dal Partito socialista per aver sostenuto la necessità dell’intervento in guerra dell’Italia, cercò di trarre profitto dallo scontento generale fondando un nuovo partito, il Partito fascista. Questo prometteva di far tornare l’ordine in Italia e dichiarava di proporsi, al di sopra di ogni altro fine, il bene della patria.



- La Marcia su Roma nell’ottobre 1922 e le dimissioni del governo di Luigi Facta. Il re non manda l’esercito e invita Mussolini a formare un nuovo governo.

  • - La Marcia su Roma nell’ottobre 1922 e le dimissioni del governo di Luigi Facta. Il re non manda l’esercito e invita Mussolini a formare un nuovo governo.

  • - Il primo governo fascista comprese anche esponenti di altri partiti.

  • - Nelle elezioni del 1924, che si svolgono tra soprusi e violenze, la lista fascista ottenne la maggioranza.

  • - L’omicidio di Giacomo Matteotti da parte dei sicari del Duce.

  • - La «secessione dell’Aventino» e l’appoggio al Fascismo da parte di re Vittorio Emanuele III.



Il Fascismo cambia le istituzioni e governa senza controlli e tra gli strumenti per creare un consenso - mai visto prima - il regime si avvale delle associazioni popolari, della censura e dei nuovi mezzi di comunicazione: la radio, il cinema, la carta stampata, i manifesti, ma anche i libri scolastici, la letteratura e l’arte.

  • Il Fascismo cambia le istituzioni e governa senza controlli e tra gli strumenti per creare un consenso - mai visto prima - il regime si avvale delle associazioni popolari, della censura e dei nuovi mezzi di comunicazione: la radio, il cinema, la carta stampata, i manifesti, ma anche i libri scolastici, la letteratura e l’arte.



Mitologia fascista, propaganda e controllo su informazione e cultura

  • Mitologia fascista, propaganda e controllo su informazione e cultura



I bambini, i ragazzi e i giovani maschi vennero inquadrati in associazioni di tipo militare («Figli della Lupa», «Balilla», «Avanguardisti»), dove venivano educati all’obbedienza, alla disciplina, all’esaltazione del capo e delle sue imprese. Le ragazze. Dal canto loro, vennero inquadrate nelle associazioni femmini. Nel 1923 venne varata la riforma dell’intero sistema scolastico. L’obiettivo di tale riforma fu di porre sotto il controllo culturale dello Stato tutte le scuole del paese e di stabilire una gerarchia di importanza fra i diversi corsi di studio.

  • I bambini, i ragazzi e i giovani maschi vennero inquadrati in associazioni di tipo militare («Figli della Lupa», «Balilla», «Avanguardisti»), dove venivano educati all’obbedienza, alla disciplina, all’esaltazione del capo e delle sue imprese. Le ragazze. Dal canto loro, vennero inquadrate nelle associazioni femmini. Nel 1923 venne varata la riforma dell’intero sistema scolastico. L’obiettivo di tale riforma fu di porre sotto il controllo culturale dello Stato tutte le scuole del paese e di stabilire una gerarchia di importanza fra i diversi corsi di studio.



L’obiettivo della «battaglia del grano» fu la conquista dell’autosufficienza alimentare.

  • L’obiettivo della «battaglia del grano» fu la conquista dell’autosufficienza alimentare.

  • L’altro slogan del fascismo, la «bonifica integrale», doveva favorire l’agricoltura e promuovere nuove opere pubbliche. La conquista di nuove superfici coltivabili attraverso la bonifica delle regioni paludose, tra cui quelle del Lazio, fu inizialmente un successo ma, ben presto, sempre meno fondi furono disponibili per il risanamento dei terreni della penisola e la campagna di bonifica si arrestò.



Con i Patti Lateranensi (1929):

  • Con i Patti Lateranensi (1929):

  • 1. Il pontefice riconosce Roma come capitale d’Italia;

  • 2. l’Italia cede alla Chiesa un piccolo territorio intorno alla basilica di San Pietro: la Città del Vaticano;

  • 3. Si ha il Concordato, un insieme di norme che regolano di comune accordo i rapporti fra Stato italiano e Vaticano;

  • 3. Lo Stato italiano riconosce la religione cattolica apostolica romana come sola religione di Stato;

  • 5. Riconosce che il matrimonio religioso ha validità civile;

  • 6. Introduce nelle scuole dello Stato l’insegnamento della dottrina cattolica.

  • 7. Dal canto suo la Chiesa accettò di nominare solo dei vescovi che abbiano il gradimento politico del governo italiano e li impegna a giurare fedeltà allo Stato.





Un vero Impero coloniale poteva essere l’Etiopia.

  • Un vero Impero coloniale poteva essere l’Etiopia.

  • Dopo una campagna militare durissima, il generale Pietro Badoglio, alla testa delle truppe, entrò nella capitale etiopica Addis Abeba. Il 9 maggio 1936 viene proclamato l’Impero.











- Nel 1925 viene eletto presidente della Repubblica il maresciallo Von Hindenburg, profondamente conservatore e capofila delle correnti di estrema destra.

  • - Nel 1925 viene eletto presidente della Repubblica il maresciallo Von Hindenburg, profondamente conservatore e capofila delle correnti di estrema destra.

  • - Nel 1933, Hindenburg, interpretando la paura dei conservatori per le spinte democratiche, nomina Hitler cancelliere della Repubblica.

















Tra le brigate partigiane ricordiamo: le squadre «badogliane» (monarchiche) per cui la cacciata dei tedeschi dall’Italia costituiva il fine ultimo della lotta, da un lato, e, dall’altro, le brigate «Garibaldi» (comuniste), «Matteotti» (socialiste), «Giustizia e Libertà» (Partito d’azione) «Fiamme verdi» (cattoliche) per cui la liberazione del territorio nazionale era solo il primo atto di un cambiamento politico radicale che doveva fare dell’Italia una nazione democratica.

  • Tra le brigate partigiane ricordiamo: le squadre «badogliane» (monarchiche) per cui la cacciata dei tedeschi dall’Italia costituiva il fine ultimo della lotta, da un lato, e, dall’altro, le brigate «Garibaldi» (comuniste), «Matteotti» (socialiste), «Giustizia e Libertà» (Partito d’azione) «Fiamme verdi» (cattoliche) per cui la liberazione del territorio nazionale era solo il primo atto di un cambiamento politico radicale che doveva fare dell’Italia una nazione democratica.



La liberazione dell’Italia avvenne nella primavera del 1945. Allora gli alleati sfondarono la Linea Gotica e dilagarono nella pianura padana: fu questo il momento scelto per l’insurrezione generale, popolare e partigiana, che divampò nelle città del nord pochi giorni prima che gli alleati vi entrassero.

  • La liberazione dell’Italia avvenne nella primavera del 1945. Allora gli alleati sfondarono la Linea Gotica e dilagarono nella pianura padana: fu questo il momento scelto per l’insurrezione generale, popolare e partigiana, che divampò nelle città del nord pochi giorni prima che gli alleati vi entrassero.

  • Il 25 aprile i partigiani liberarono Milano, Torino e Genova. Quattro giorni dopo i tedeschi trattarono la resa in Italia.

  • Il 27 dello stesso mese Mussolini, catturato mentre cercava di fuggire oltre il confine con la Svizzera, venne fucilato dai partigiani su ordine del Comitato di Liberazione Alta Italia.





- Luglio-ottobre 1946, Conferenza di pace di Parigi: l’Europa viene divisa in due zone di influenza: quella orientale resta sotto il controllo dell’URSS, mentre l’Europa occidentale viene posta sotto l’influenza degli USA.

  • - Luglio-ottobre 1946, Conferenza di pace di Parigi: l’Europa viene divisa in due zone di influenza: quella orientale resta sotto il controllo dell’URSS, mentre l’Europa occidentale viene posta sotto l’influenza degli USA.

  • - Il problema principale è la sorte della Germania. Nel 1949 le zone controllate da Stati Uniti, Francia e Inghilterra vengono unificate nella Repubblica Federale Tedesca (RFT) mentre la zona occupata dall’URSS dà origine alla Repubblica Democratica Tedesca (RDT), in cui è instaurato un regime comunista.






Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling