Pacifismo pacifismo


Download 445 b.
Sana14.08.2018
Hajmi445 b.


«Io sono serbo e mia moglie è croata, queste mie cognate sono musulmane, viviamo insieme da tanto tempo senza problemi: ma chi la vuole questa guerra?» A vedere quella estrazione etnica così diversa seduta alla stessa mensa mi è venuta in mente una definizione di pace che uso spesso: «Convivialità delle differenze!»…Da nove mesi quando giungono le quattro pomeridiane in città non entrano neppure le camionette del Unproform dell’ONU. Ma stasera c’è un’altra ONU: quella dei popoli, della base. A quest’ONU dei poveri che scivola in silenzio nel cuore della guerra, sembra che il cielo voglia affidare un messaggio:

  • «Io sono serbo e mia moglie è croata, queste mie cognate sono musulmane, viviamo insieme da tanto tempo senza problemi: ma chi la vuole questa guerra?» A vedere quella estrazione etnica così diversa seduta alla stessa mensa mi è venuta in mente una definizione di pace che uso spesso: «Convivialità delle differenze!»…Da nove mesi quando giungono le quattro pomeridiane in città non entrano neppure le camionette del Unproform dell’ONU. Ma stasera c’è un’altra ONU: quella dei popoli, della base. A quest’ONU dei poveri che scivola in silenzio nel cuore della guerra, sembra che il cielo voglia affidare un messaggio:

  • LA PACE VA OSATA!!!




USCIRE DALL’EURO

  • USCIRE DALL’EURO

  • COMANDA LA Germania





PACIFISMO

  • PACIFISMO

  • ASSOLUTO



Primi secoli

  • Primi secoli

  • Escatologia immediata

  • L’unico vero combattimento è il combattimento spirituale contro i falsi dei e i demoni.

  • Non si pensa all’uso delle armi per difendere le comunità.

  • Senza essere ricercato, il martirio resta l’ideale della testimonianza della fede.

  • Il servizio militare è vietato. C502-503



Soltanto in un secondo tempo, verso la fine del secolo terzo, troviamo dei soldati e degli ufficiali cristiani, ai quali si pone la questione di rendere un culto all’imperatore, con martiri di massa: per esempio attorno al 300, san Maurizio e i 6000 soldati della legione tebana uccisi nell’attuale cantone del Valais in Svizzera, o nel 320 san Viviano e 40 soldati della legione Fulminata nella regione della Cappadocia (Turchia attuale) condannati a morire di freddo su un lago gelato. Nei due casi i soldati hanno accettato la loro sorte senza opporre nessuna resistenza con le loro proprie armi.

  • Soltanto in un secondo tempo, verso la fine del secolo terzo, troviamo dei soldati e degli ufficiali cristiani, ai quali si pone la questione di rendere un culto all’imperatore, con martiri di massa: per esempio attorno al 300, san Maurizio e i 6000 soldati della legione tebana uccisi nell’attuale cantone del Valais in Svizzera, o nel 320 san Viviano e 40 soldati della legione Fulminata nella regione della Cappadocia (Turchia attuale) condannati a morire di freddo su un lago gelato. Nei due casi i soldati hanno accettato la loro sorte senza opporre nessuna resistenza con le loro proprie armi.









L’idea di guerra santa nasce nel medioevo nel confronto/scontro con l’islam.

  • L’idea di guerra santa nasce nel medioevo nel confronto/scontro con l’islam.

  • CROCIATE: Una decina di spedizioni militari tra 1095 e 1291.

  • RECONQUISTA: La Rinconquista della Spagna prende fine nel 1492 con la presa di Granada.

  • ANTITESI DEL DISCORSO SUL PACIFISMO: l’uso delle armi non è più vietato, ma raccomandato, versare il sangue non è più peccato, ma dovere, quasi un atto religioso.



LA GUERRA SANTA SI NUTRE DI DUE CONVINZIONI:

  • LA GUERRA SANTA SI NUTRE DI DUE CONVINZIONI:

  • la certitudine di fare la guerra a nome di Dio, su ordine di Dio, non per difendersi, ma per distruggere i nemici di Dio. Il soldato è miles Christi, fa parte dell’esercito del Signore;

  • la certitudine di ricevere in caso di morte nel combattimento, il compenso supremo, cioè la remissione dei peccati, la gloria eterna nel Regno dei Cieli.



COSÌ SONO TOLTI DUE FRENI POTENTI ALL’AZIONE DI GUERRA:

  • COSÌ SONO TOLTI DUE FRENI POTENTI ALL’AZIONE DI GUERRA:

  • IL DIVIETO DI UCCIDERE (SESTO COMANDAMENTO)

  • LA PAURA DELLA MORTE.

  • Il concetto di guerra santa è sparita della tradizione cristiana.





AGOSTINO

  • AGOSTINO



I TEMPI SONO CAMBIATI:

  • I TEMPI SONO CAMBIATI:

  • il cristianesimo non è più perseguitato,

  • l’impero è diventato cristiano,

  • i cristiani sono ammessi nell’esercito,

  • il paganesimo è vietato.

  • Onorio 408 dice che i cristiani esclusivamente possono essere soldati.

  • Vengono le invasioni dei popoli cosidetti barbari: la presa di Roma da Alarico nel 410 è uno choc per Agostino, un mondo sembra dover crollare. Agostino è allora di tradizione pacifista, ma vede che l’arma della preghiera raccomandata da Origene non è stata sufficiente per diffendere la “giusta causa” de l’impero romano contro i barbari.



I TEMPI SONO CAMBIATI:

  • I TEMPI SONO CAMBIATI:

  • il cristianesimo non è più perseguitato,

  • l’impero è diventato cristiano,

  • i cristiani sono ammessi nell’esercito,

  • il paganesimo è vietato.

  • Onorio 408 dice che i cristiani esclusivamente possono essere soldati.

  • Vengono le invasioni dei popoli cosidetti barbari: la presa di Roma da Alarico nel 410 è uno choc per Agostino, un mondo sembra dover crollare. Agostino è allora di tradizione pacifista, ma vede che l’arma della preghiera raccomandata da Origene non è stata sufficiente per diffendere la “giusta causa” de l’impero romano contro i barbari.



Teologia agostiniana sulla guerra:

  • Teologia agostiniana sulla guerra:

  • AGOSTINO NON AMMETTE L’AUTODIFESA PERSONALE: il cristiano deve accettare di morire, e non uccidere il suo nemico che l’attacca. C496.

  • FONDA TUTTO SULLA LA DIFESA DELL’ALTRO: in particolare del debole (la vedova, l’orfano, l’anziano). Il non combattere è la non assistenza a una persona in pericolo. C 504-506

  • LA BASE DELLA DOTTRINA DELLA GUERRA GIUSTA SI TROVA NON NELL’AUTODIFESA PERSONALE, MA NELLA RESPONSABILITÀ DI OGNUNO NEI CONFRONTI DELL’ALTRO. C492



Teologia agostiniana sulla pace

  • Teologia agostiniana sulla pace

  • COSA È PRECISAMENTE LA PACE, LA VERA PACE?

  • La pace non è soltanto l’assenza di guerra. Famosa è la sua definizione della pace come “tranquillità dell’ordine”, cioè l’ingiustizia, il disordine, non sono pace. La guerra è purtroppo a volte necessaria o per mantenere o per restaurare la vera pace. C489.494

  • Ciò aiuta a capire perché per difendere la pace, bisogna a volte fare la guerra: allora elenca le condizioni che debbono essere riunite per giustificare la guerra e i limiti da rispettare nella condotta delle operazioni di guerra. C494.



Tre condizioni per giustificare un’azione di guerra:

  • Tre condizioni per giustificare un’azione di guerra:

  • Non tutte le guerre sono legittime:

  • la guerra deve venire dall’iniziativa dell’altro, del nemico che vuole conquistare, distruggere, allora soltanto la guerra di difesa è possibile, anche per impedire il nemico di fare del male; C500

  • la guerra deve essere decisa esclusivamente dall’autorità politica legittima, il principe, per evitare le iniziative private;

  • ma prima di decidere l’azione degli eserciti, bisogna provare di evitare la guerra con altri mezzi: negoziato per esempio. C498



Se lo avessero tenuto presente dopo la prima guerra mondiale

  • Se lo avessero tenuto presente dopo la prima guerra mondiale

  • Però se la guerra è decisa, anche se è giusta, non autorizza i belligeranti ogni tipo di azione. Nessuno deve dimenticare che l’obbiettivo della guerra è la pace. Quindi il vincitore deve trattare bene il vinto, per evitare la volontà di rivincita, l’odio che porta a preparare sempre une nuova guerra, l’odio che si trasmette da una generazione all’altra.



Problema nuovo: La guerra tra cristiani

  • Problema nuovo: La guerra tra cristiani

  • la Chiesa cerca di introdurre dei limiti: limiti per le vittime dei conflitti, limiti per i tempi durante i quali le azioni di guerra sarebbero vietate.

  • concilio di Charroux(989 ): getta l’anatema su quelli che si attaccano alle persone senza difesa: i poveri, le donne, i bambini, il clero, i mercanti: è la definizione dei non combattenti che vanno rispettati.

  • la “tregua di Dio” 1027: vieta ogni ostilità il sabato sera e la domenica; poi il periodo è allargato su quasi la metà della settimana, sono vietati certi periodi liturgici come l’Avvento, Natale, il tempo di Pasqua.



Pace naturale: La pace è dapprima l’espressione della concordia tra gli uomini, della vita in comunità. Tale concordia viene dall’amore di Dio, fonte dell’amore tra gli uomini.

  • Pace naturale: La pace è dapprima l’espressione della concordia tra gli uomini, della vita in comunità. Tale concordia viene dall’amore di Dio, fonte dell’amore tra gli uomini.

  • la guerra è peccato: La guerra come peccato è la legge generale, la guerra giusta, che è necessariamente una guerra di difesa deve essere eccezionale, e soltanto quando tre condizioni vengono riunite:

  • l’autorità del principe: per evitare le guerre private tra signori;

  • la causa giusta: per riparare un ingiustizia;

  • l’intenzione retta: è giusta la guerra che serve a restaurare la giustizia, la pace. Ogni altra intenzione (conquista di territori, gloria personale, potenza, ricerca di ricchezze) è per definizione esclusa.



CONTENSTO STORICO

  • CONTENSTO STORICO

  • la scoperta dell’America con l’espansione europea,

  • lo sviluppo economico,

  • un armamento nuovo fondato sull’artiglieria,

  • la fine della cristianità medievale e la nascita di un sistema internazionale basato su alcuni grandi Stati-nazione che hanno una politica di potenza: così il re di Francia Francesco I° fa alleanza con il Grande Turco, l’impero ottomano, contro Carlo quinto, imperatore e re di Spagna, sovrano cattolico.

  • JUS PACIS ET BELLI: Il diritto di guerra si secolarizza in qualche modo, la guerra è un modo normale per trovare soluzioni alle crisi, e nasce l’idea che le due parti possono avere la convinzione di avere ragione, di fare la guerra per una causa giusta. Nasce la coscienza della necessità di un diritto internazionale, di jus pacis et belli.



GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • diritto naturale: vale per tutti gli uomini, senza distinzione di religione. Tutti, cristiani, musulmani, indiani, hanno in quanto esseri umani, gli stessi diritti e gli stessi doveri. La differenza di religione non basta per giustificare una guerra.

  • Criterio della proporzionalità: Vitoria dice che i mali provocati inevitabilmente da un conflitto armato non debbono essere superiori ai mali che pretende correggere. Le guerre debbono essere fatte per un bene generale, quindi se provoca delle distruzioni molto ampie, la morte di un grande numero di uomini, se nutre l’odio e il desiderio di vendetta, allora meglio rinunciare. (atomica) C501 necessarietà e proporzionalità



GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • Non uccidere innocenti con l’intento di ucciderli: Vitoria sa perfettamente che in ogni guerra, dei non combattenti sono uccisi, ma ciò deve succedere soltanto per caso, come un incidente. Bambini, donne, contadini, non debbono essere attaccati, anche se appartengono a una religione diversa.

  • La probabilità di vittoria: Alcuni anni dopo, il gesuita spagnolo Francisco Suarez aggiunge tra le condizioni della guerra giusta, la probabilità della vittoria. Difatti, una guerra non può essere legittima che come mezzo di restaurare la giustizia e la pace; se sembra o se è probabile che l’azione bellica non riuscirà a restaurare la giustizia e la pace, allora bisogna rinunciarci.



GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • GUERRA QUESTIONE DI DIRITTO NATURALE

  • Contesto: armi sempre più potenti e micidiali

  • Guerra come ultima soluzione: quando tutte le altre, cioè essenzialmente la diplomazia, sono fallite.

  • precursore della Società delle Nazioni: Propone di regolare la società internazionale con un sistema di arbitrato internazionale capace di imporre alle nazioni soluzioni negoziate. C499





Sei condizioni debbono essere riunite.

  • Sei condizioni debbono essere riunite.

  • Una causa giusta: la difesa. Rifiuto dell’offensiva, della guerra preventiva.

  • Soltanto un’autorità competente può decidere l’operazione di guerra.

  • L’intento dritto: la giustizia, la riconciliazione dopo il conflitto.

  • La guerra come ultima soluzione, quando non c’è più posto per una soluzione negoziata. .

  • La proporzionalità: non fare delle distruzioni sproporzionate.

  • La probabilità di successo.



Il rispetto dei non combattenti. Una frontiera, un muro tra i combattenti e i civili. Ma difficile da tracciare nelle guerre moderne (bombardamenti, guerillas). C513-515

  • Il rispetto dei non combattenti. Una frontiera, un muro tra i combattenti e i civili. Ma difficile da tracciare nelle guerre moderne (bombardamenti, guerillas). C513-515

  • Il rispetto dei feriti e dei prigionieri.

  • Il rispetto dei luoghi di culto, particolarmente e volontariamente colpiti nelle guerre contemporanee.





Ribadisce la condanna assoluta della guerra: la necessaria solidarietà internazionale [giustizia sociale internazionale] e il ruolo delle organizzazioni internazionali. La guerra è per definizioni inumana e il Concilio intende condannare « l’inumanità della guerra ».

  • Ribadisce la condanna assoluta della guerra: la necessaria solidarietà internazionale [giustizia sociale internazionale] e il ruolo delle organizzazioni internazionali. La guerra è per definizioni inumana e il Concilio intende condannare « l’inumanità della guerra ».

  • Pace = no assenza di guerra ma costruzione di un ordine giusto.

  • Le armi di distruzione di massa: armamento ABC, Atomico-Biologico-Chimico, All’inizio degli anni 1950, Pio XII, in un discorso a Pax Christi, il 13 settembre 1952, pensava che l’arma nucleare in certe situazioni, potrebbe riempire I criteri di una Guerra giusta a condizione di non essere utilizzata contro le popolazioni civili e le città. Ma l’impossibilità di rendere selettiva o proporzionata le armi ABC l’ha spinto a dichiarare tali armi inaccettabili in un discorso all’Associazione medicale mondiale, il 30 settembre 1954). Il papa richiedeva allora il disarmamento generale, il rinuncio alle esperienze di armi nucleari e al loro uso (radiomessaggio di Natale 1954). C508-512



« i vescovi di tutto il mondo, ora riuniti, scongiurano tutti, in modo particolare i governanti e i supremi comandanti militari, a voler continuamente considerare, davanti a Dio e davanti all’umanità intera, l’enorme peso della loro responsabilità »

  • « i vescovi di tutto il mondo, ora riuniti, scongiurano tutti, in modo particolare i governanti e i supremi comandanti militari, a voler continuamente considerare, davanti a Dio e davanti all’umanità intera, l’enorme peso della loro responsabilità »

  • (GS 80).



Questione sociale = questione antropologica

  • Questione sociale = questione antropologica

  • Chiesa per sua natura dialoga

  • Inutilità della violenza C496

  • Pace = sviluppo

  • Civiltà dell’amore

  • Necessità di profeti non armati C496

  • Chiesa strumento di pace per il mondo e nel mondo C516-518



Nasce come strumento di pace per gli stessi motivi della seconda guerra mondiale da politici cattolici

  • Nasce come strumento di pace per gli stessi motivi della seconda guerra mondiale da politici cattolici

  • L’europeismo di Don Sturzo: invertire il processo di unificazione degli stata nazionale, con una maggiore autonomia locale e una maggiore centralizzazione dell’unione europea.



FRANCESCO, Esortazione apostolica Evangelii gaudium, 2013.

  • FRANCESCO, Esortazione apostolica Evangelii gaudium, 2013.

  • BENEDETTO XVI, Enciclica Caritas in Veritate, 2009.

  • PAOLO VI, Enciclica Populorum progressio, 1967.

  • CONCILIO VATICANO II, Costituzione pastorale Gaudium et spes, 1965

  • GIOVANNI XXIII, Enciclica Pacem in terris, 1963.

  • PONTIFICIO CONSIGLIO GIUSTIZIA E PACE, Compendio DSC, 2005, capitolo 11 e capitolo 12 (534-537).



MAURIZIO ORMAS, La libertà e le sue radici. L'affermarsi dei diritti della persona nella pastorale della Chiesa dalle origini al XVI secolo, Effatà 2010.

  • MAURIZIO ORMAS, La libertà e le sue radici. L'affermarsi dei diritti della persona nella pastorale della Chiesa dalle origini al XVI secolo, Effatà 2010.

  • ANTONIO BELLO, Diari e scritti pastorali, Mezzina Molfetta 1993.

  • DANIELE MENOZZI, Chiesa, pace e guerra nel Novecento. Verso una delegittimazione religiosa dei conflitti, Il Mulino, Bologna, 2008.

  • MIMMO FRANZINELLI E RICCARDO BOTTONI, Chiesa e guerra. Dalla “benedizione delle armi” alla “Pacem in terris”, Il Mulino, Bologna, 2005.

  • GEORGE WEIGEL, La cattedrale e il cubo, Europa, America e politica senza Dio,  Rubbettino Editore, 2006.




Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling