Perché in realtà non c’è un modo di essere cristiani che cambi di epoca


Download 120.16 Kb.
Sana14.08.2018
Hajmi120.16 Kb.

perché in realtà non c’è un modo di essere cristiani che cambi di epoca 

caratterizzare ogni cristiano di oggi sono le stesse cose che caratterizzavano 

i cristiani di 2000 anni fa. Negli Atti degli Apostoli leggiamo di quanto essi 

fossero perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, 

nello spezzare il pane e nelle preghiere. Tutti stavano insieme e avevano 

ogni cosa in comune. Tra di loro dimostravano di avere un cuor solo e 

un’anima sola, godendo di grande simpatia e favore presso tutto il popolo 

impossibile da realizzare. Papa Francesco nei suoi discorsi e prediche parla 

spesso di un cristianesimo divenuto per vari versi “da salotto”. I cristiani 

da salotto, dice il Papa, sono quelli che prediligono chiacchierare su come 

vanno le cose nella Chiesa e nel mondo, ma non si comportano da apostoli 

in cammino che confessano Gesù; sono quelli che danno volentieri pareri, 

ma non sono disposti a dare la vita; quelli che sono diventati tiepidi e per 

questo  incapaci  di  trasmettere  l’entusiasmo  e  il  calore  della  fede;  quelli 

che si adagiano nel benessere, paghi delle loro sicurezze, e non corrono il 

ad un certo punto per non doversi compromettere più di tanto; quelli che 

sono  educati  e  per  bene,  ma  che  non  conoscono  il  fervore  apostolico.  I 

cristiani da salotto sono quelli tranquilli, che non fanno alcun danno, ma 

che  allo  stesso  tempo  non  provocano  alcun  cambiamento  in  positivo... 

Perché i cristiani da salotto si accontentano di mantenere lo status quo 

delle cose e delle strutture. 

Bollettino parrocchiale San Polo di Piave e Rai

Anno XLVI n. 463

in questo numero

1

 Cristiani oggi



2

 I tre giorni della Pasqua / Fotografi di vita

4

 Notizie dalla Comunità



5

 Istantanee 

7

 Defunti


8

 Il calendario della Settimana Santa

segue a pagina 2

Che  cosa  è  cambiato  rispetto  agli  albori  della  Chiesa?  Forse  oggi  non  è 

più possibile camminare sulle orme dei primi cristiani? …Una domanda 

alla  quale  dobbiamo  rispondere  con  un  deciso  no.  Accanto  ai  cristiani 

da salotto ci sono anche coloro che hanno fatto di Gesù il fondamento, il 

centro della propria vita. Questi manifestano un atteggiamento nettamente 

diverso, caratterizzato dallo zelo, dal fervore, dal fuoco e dall’amore per 

Cristo e per la Chiesa. Non sono disposti ad accettare il compromesso e 

non  si  rifugiano  nel  miraggio  di  una  vita  tranquilla,  al  contrario.  Con 

il loro atteggiamento e la loro testimonianza danno spesso fastidio a chi 

si oppone al cambiamento, a chi non è disposto ad ammettere le proprie 

contraddizioni o ad accettare critiche costruttive. Il cristiano che ha messo 

Gesù  e  il  suo  vangelo  al  centro  della  propria  vita,  infatti,  può  risultare 

addirittura perseguitato.

Il  fattore  determinante  che  genera  il  fervore  apostolico,  la  passione  per 

la  causa  della  fede,  è  l’incontro  personale  con  Gesù  Cristo.  Incontrare 



2

segue da pagina 1

diventiamo cristiani maturi e consapevoli, 

capaci di impegnarci nell’annuncio e nella 

costruzione del Regno di Dio, regno di pace, 

di giustizia e misericordia. Sia come singoli 

sia come comunità dovremmo chiederci se 

questo incontro ci sia mai stato veramente 

nella nostra vita, se ne sentiamo davvero il 

bisogno e se siamo disposti a correre il rischio 

che Dio, toccando il nostro cuore, rovesci il 

nostro modo di pensare e di agire, ci riveli 

un modo differente di concepire i nostri 

rapporti, ci esorti a costruire un mondo 

fondato sul principio dell’amore reciproco e 

della comunione. Questo è il primo passo per 

diventare dei veri e propri cristiani, dei veri e 

propri “seguaci” di Gesù Cristo. L’ascolto della 

Parola, la condivisione del pane eucaristico, 

la preghiera personale e comunitaria, la 

comunione fraterna e la solidarietà con 

i più piccoli sono elementi fondamentali 

nel cammino di fede di ciascuno. Viverli e 

coltivarli intensamente significa camminare 

sulle orme dei primi cristiani. Anche di noi 

come di loro allora, si potrà dunque dire: 

«Guarda come si amano e l’uno per l’altro è 

pronto a dare la vita».

V.P.

Un canto della tradizione liturgica evange-



lica composto da Arno Pötzsch comincia 

così: “Non puoi cadere più in basso che nel-

la mano di Dio” ... Se a Natale celebriamo 

il mistero dell’incarnazione, il mistero cioè 

di un Dio che si abbassa al punto da assu-

mere la nostra condizione umana, il mistero 

Pasquale ci pone di fronte alla radicalità di 

questo abbassamento, ci fa capire fin dove 

si spinga l’amore di Dio per gli uomini, ci 

fa percepire la dimensione sconfinata della 

promessa fatta ai padri e confermata defini-

tivamente in Gesù. In che cosa consiste in 

sintesi il mistero Pasquale? Nel libro dell’e-

sodo leggiamo: “È la pasqua del Signore! In 

quella notte io passerò per il paese d’Egit-

to ...“ (Es 12, 11s.) La Pasqua del Signore, 

che noi cristiani celebriamo ogni domeni-

ca e solennemente una volta all’anno, è un 

passaggio, il passaggio di Gesù attraverso il 

dolore della passione, la morte in croce, la 

discesa nel regno dei morti e la resurrezione 

nel terzo giorno. La Pasqua non è un even-

to unico, quello cioè della resurrezione, ma 

un insieme di eventi uniti inscindibilmente 

tra di loro. L’espressione liturgica di questa 

unità la troviamo nel Triduo Pasquale. Se ci 

soffermiamo ad un aspetto rituale notiamo 

come nella S. Messa in coena Domini del 

Giovedì Santo non ci sia congedo: l’assem-

blea si scioglie in silenzio. La celebrazione 

del Venerdì Santo riprende il silenzio della 

sera precedente e inizia senza riti di intro-

duzione. Anche questa termina senza bene-

dizione e senza congedo, nel silenzio. È la 

Veglia Pasquale, che inizia con il lucernario, 

senza segno di croce e senza saluto, a chiu-

dere con la benedizione finale e il congedo 

l’arco di quella che è un’unica celebrazione 

estesa a più giorni. Il Sabato Santo è alitur-

gico, un giorno cioè in cui non ci sono cele-

brazioni liturgiche. Forse anche per questo 

il Sabato Santo passa un po’ inosservato, tra 

i preparativi per la domenica di Pasqua e il 

pranzo in famiglia. “Che cosa è avvenuto? 

Oggi sulla terra c’è grande silenzio, grande 

Lo slogan del percorso formativo di 

quest’anno dell’ACR riguarda la fotografia e 

si intitola “Pronti a Scattare”, un tema che ci 

impegna a fissare l’attenzione sui momen-

ti decisivi della nostra vita e della vita di 

Gesù, per cercare di imitarlo e assomigliare 

sempre di più a Lui. In questo articolo vor-

remmo raccontarvi quelli che, per noi, sono 

stati i momenti più importanti e significati-

vi fino ad oggi:

VISITA AD ANZIANI E MALATI A NATALE

Nei due sabati precedenti al Natale i ragazzi, 

assieme agli animatori e ad alcuni genitori, 

hanno fatto visita ad alcuni anziani e malati 

del nostro paese per poter augurare loro un 

felice e sereno natale, regalandogli un sorri-

so e qualche minuto di compagnia. Inoltre 

hanno donato loro un piccolo pensierino 

natalizio fatto con le loro mani durante le 

attività. Ormai per noi questa è una bellissi-

ma tradizione che ricorre anche prima della 

Pasqua ed è sempre un fonte di grande gioia 

e soddisfazione, perché si tratta di un gesto 

semplice che vale più di molto altro.

OPERAZIONE SIP E MESE DELLA PACE

Per l’ACR di tutta Italia, gennaio è il mese 

dedicato al tema della pace che ogni anno, 

attraverso l’Operazione Sip (spezziamo in-

sieme il pane), ci porta a scoprire diverse 

realtà difficili del Mondo, purtroppo reali, 

nelle quali c’è un estremo bisogno di pace 

e giustizia. Mediante attività misurate a 

AZIONE


 Perché chiama i ragazzi ad essere parte attiva e non passiva, 

sia nella comunità, ma soprattutto nella vita di tutti i giorni. Chiede loro 

di mettersi in gioco e farsi testimoni concreti della bellezza di aiutare il 

prossimo seguendo l’esempio di Gesù e imparando a conoscerlo attraverso 

il gioco, la preghiera, il gruppo e molto altro.

CATTOLICA

 Perché è un cammino di Chiesa che vuole introdurre i 

ragazzi all’incontro personale con Gesù nella vita quotidiana.

RAGAZZI

 Perché sono i protagonisti assoluti di questa avventura, 



durante la quale sperimenteranno valori fondamentali come l’amore, l’a-

micizia e la condivisione.

I TRE GIORNI

DELLA 


PASQUA

seconda dell’età, quest’anno i ragazzi sono 

venuti a conoscenza dell’organizzazione 

umanitaria che l’AC  sostiene: “Terre de 

Hommes”, la quale si occupa  di offrire ri-

paro e aiuto a bambini e ragazzi in Iraq, 

piccoli rifugiati di guerra. Particolarmente 

sensibili alla questione della povertà anche 

nel nostro paese, i ragazzi hanno poi accol-

to con successo l’iniziativa di donare alcuni 

loro giocattoli o indumenti che non usava-

no più, i quali verranno distribuiti ai biso-

gnosi della nostra comunità.

FESTA DELLA PACE

Una data molto importante per noi è stata 

proprio il 27 gennaio 2018, quando la par-

rocchia di San Polo di Piave ha accolto in 

casa propria le ACR di tutte le altre parroc-

chie della Forania ( più di cento tra ragazzi e 

animatori), per concludere assieme il Mese 

della Pace: è stata una grande emozione!

Il nostro cammino continua e stiamo lavo-

rando con impegno ad alcuni nuovi progetti 

che presto avremo il piacere di presentarvi. 

Come ci ha detto Papa Francesco all’inizio 

dell’anno, siamo chiamati tutti ad essere dei 

“buoni fotografi di vita”, attenti non solo a 

noi stessi,  bensì ad ogni dettaglio che ci cir-

conda, per non dimenticarci dei più poveri, 

i più piccoli, i più deboli e gli emarginati 

sociali, e anzi, fare noi il primo passo verso 

di loro per incontrarli, che poi significa in-

contrare Dio.

silenzio e solitudine. Grande silenzio per-

ché il Re dorme: la terra è rimasta sbigottita 

e tace perché il Dio fatto carne si è addor-

mentato e ha svegliato coloro che da secoli 

dormivano. Dio è morto nella carne ed è 

sceso a scuotere il regno degli inferi.” Con 

queste parole inizia un’antica omelia sul Sa-

bato Santo. Il Sabato Santo è un giorno di 

silenzio e solitudine, di sbigottimento e di 

incredulità, un giorno in cui Dio non parla 

e si rivela come inaccessibile, in cui si sta 

con il fiato sospeso... È il giorno in cui l’ab-

bassamento di Dio raggiunge il punto più 

basso, in cui Dio scende nella profondità 

della morte umana per portare anche lì la 

sua salvezza. Il mistero Pasquale ci insegna 

a cantare con gioia “Non puoi cadere più 

in basso che nella mano di Dio”  ... perché 

ormai non esiste un abisso dove un uomo 

possa cadere senza trovare già il Cristo che 

è sceso - obbediente - prima di lui per rac-

coglierlo. 


3

È ormai giunto alla conclusione il mandato 

dell’attuale  Consiglio Direttivo  del Circolo 

NOI “Beata Chiara Luce Badano” ed è quin-

di necessario provvedere al suo rinnovo. La 

candidatura è aperta a tutti i soci maggio-

renni ed in regola col tesseramento. Se non 

sei ancora tesserato puoi farlo compilando la 

scheda di adesione personale e familiare: è 

possibile trovare i moduli per il tesseramento 

e per l’iscrizione alla lista dei candidati sul 

tavolo della stampa in chiesa. I moduli com-

pilati dovranno essere deposti nell’urna pre-

sente sul tavolo della stampa in chiesa o in 

oratorio, entro domenica 1 aprile. Il Consi-

glio Direttivo opera nell’ambito della Parroc-

chia ed ha il compito di offrire proposte per il 

tempo libero che siano in linea con gli orien-

tamenti della religione cattolica, cercando al-

tresì di promuovere la partecipazione attiva 

dei suoi associati, nell’ideazione e nella re-

Si è svolta giovedì 22 febbraio la consegna 

degli attestati  alle 5 signore extracomu-

nitarie che hanno  partecipato al corso di 

economia domestica organizzato dalla San 

Vincenzo di Oderzo e sponsorizzato attra-

verso un bando di concorso dalla Federa-

zione della San Vincenzo Nazionale. Il cor-

so, tenuto dalla dott.ssa Marilena Uliana, 

ha interessato ed entusiasmato tutte le 15 

partecipanti  dalle Conferenze di Oderzo 

e San Polo di Piave. Si è parlato della cura 

del bambino e dell’anziano, della gestione 

finanziaria e organizzativa della casa, di 

alimentazione e cucina, di cucito e di come 

fare la spesa in modo intelligente, di igiene 

della persona e degli ambienti. Le 12 lezio-

ni si sono svolte il giovedì mattina presso il 

Patronato Turroni di Oderzo. Un momento 

di incontro, di inclusione e condivisione, 

per cercare di integrare queste persone che 

vivono da tempo nel  nostro territorio e far 

acquisire loro delle competenze e delle co-

noscenze che le porteranno a gestire la casa 

e la vita, in modo più ordinato e consape-

vole. “Voli Pindarici”, questo il nome del 

progetto, si è concluso la sera di  venerdì 

23 febbraio presso il Teatro Turroni con la 

lettura di racconti  autobiografici scritti da 

donne di etnie diverse e letti dagli studen-

ti dell’Istituto Sansovino di Oderzo. Il coro 

“Pj Choir Lab” diretto da Serena Fontanel 

ha eseguito i brani musicali che hanno ac-

compagnato tutta la serata. Un’esperienza 

davvero unica che speriamo abbia creato 

nelle partecipanti le basi per un’autonomia 

consapevole e una migliore gestione delle 

risorse. Alcune di loro si sono già iscritte al 

corso di cucito, appena iniziato, per appro-

fondire le conoscenze acquisite. A noi Vin-

cenziani non resta altro che ricordare che 

per entrare nella San Vincenzo è sufficien-

te il desiderio di aiutare chi è in difficoltà. 

Operare uniti rende migliori chi dona e chi 

riceve.

Il giorno mercoledì 24 gennaio 2018  alle 



ore 20,30 si è riunito nella Canonica di San 

Polo  il Consiglio Pastorale Parrocchiale di 

San Polo-Rai, con il seguente Ordine del 

Giorno:


1. Recita dei Primi Vespri della Conversione 

di San Paolo

2. Come utilizzare in Parrocchia le schede 

sull’Eucaristia proposte dalla Diocesi

3. A che punto siamo con la Missione?

4. Programma per il Tempo di Quaresima e 

la settimana Santa

5. Varie ed eventuali.

Il Presidente del  CPP  Don Lucio Dalla 

Fontana dà inizio alla riunione del consiglio 

che risulta così composto:

Vengono recitati i Primi Vespri della Con-

versione di San Paolo la cui ricorrenza sarà 

giovedì 25 gennaio,  che verrà solennizzata 

con la S. Messa alle ore 19,30.

Viene poi dato spazio a riflessioni sui punti 

27 – 33 – 183 della Evangelii Gaudium.

Don Lucio presenta lo Strumento di lavoro 

sulle Celebrazioni Eucaristiche Domenica-

li proposto dalla Diocesi e contenente due 

questionari e sei schede di lavoro.

Il questionario B “Questionario personale 

sulla Messa Domenicale” viene distribuito 

ai presenti per la compilazione e, succes-

sivamente ogni persona espone il proprio 

pensiero su quanto indicato nelle schede, 

dando vita ad uno scambio di opinioni.

Per quanto riguarda la Missione, sono state 

evidenziate le criticità relative alla scarsa ri-

sposta data dai giovani, per cui si propone 

di tentare, magari con un cambio di strate-

gia, di riproporre la Missione ai ragazzi par-

tendo dai cresimati.

E’ stata invece messa in evidenza la positiva 

esperienza dei grappoli, così come dei grup-

pi del Cammino di Emmaus.

Iniziando la discussione sul programma per 

le prossime festività, si decide di celebrare

come lo scorso anno, la S. Messa per la Pre-

sentazione di Gesù (Candelora) il 2 febbra-

io a San Polo alle 19,30.

Le Sacre Ceneri il 14 febbraio S. Messa a Rai 

alle ore 15 e a San Polo alle 19,30.

Durante tutti i 5 venerdì di Quaresima  ci 

sarà la Via Crucis in chiesa a San Polo alle 

ore 15. 


Inoltre viene proposta una sorta di Via Cru-

cis “itinerante” da celebrare in 5 zone del 

territorio (3 a San Polo e 2 a Rai) alla sera 

alle ore 20 sempre dei 5 venerdì  di Quare-

sima. 

Don Lucio propone di valorizzare in questa 



occasione i 5 continenti con riferimento ai 

viaggi di Papa Francesco.

Per definire il programma dei venerdì di 

IL RINNOVO DEL “CIRCOLO NOI BEATA 

CHIARA LUCE BADANO”

VERBALE DELLE RIUNIONI 

DEL CONSIGLIO PASTORALE 

PARROCCHIALE N.1-2/2018

alizzazione delle iniziative. I consiglieri non 

svolgono solo un ruolo giuridico ed ammini-

strativo comunque necessario per il corretto 

funzionamento del circolo, ma sono il cuore 

pulsante, l’anima e la mente da cui nascono 

idee e progetti necessari per la crescita dell’O-

Quaresima e della Settimana Santa il CPP si 

riunirà il 9 febbraio.

Con la preghiera finale la riunione si con-

clude alle ore 23.

Il giorno venerdì 9 febbraio 2018  alle ore 

20,30 si è riunito nella Canonica di San Polo  

il Consiglio Pastorale Parrocchiale di San 

Polo-Rai, con il seguente Ordine del Gior-

no:

6. Aggiornamento sulla ultima seduta 



dell’Equipe di UP.

7. Programma per il Tempo di Quaresima e 

la settimana Santa.

Il Presidente del CPP Don Lucio Dalla Fon-

tana dà inizio alla riunione del consiglio che 

risulta così composto:

Viene aggiornato il CPP in merito a quanto 

emerso nell’ultimo incontro dell’Equipe di 

Unità Pastorale. L’Equipe, a seguito di alcu-

ne considerazioni avanzate da un compo-

nente (ridare un ruolo centrale alla Parroc-

chia rispetto all’UP e sospendere il percorso 

della Missione a  giugno), ritiene necessario 

coinvolgere i CPP delle singole parrocchie 

affinché si esprimano in merito a progettua-

lità e percorso stabiliti dalla Diocesi in rela-

zione all’Unità Pastorale. Gli interventi dei 

vari membri del CPP ribadiscono la neces-

sità di continuare nel cammino intrapreso 

come Unità Pastorale; viene dato mandato 

ai rappresentanti delle parrocchie di riferire 

questo orientamento all’Equipe .

Per il secondo punto all’OdG si concorda 

quanto segue:

1. durante i venerdì di Quaresima ci sarà la 

Via Crucis in chiesa a San Polo alle ore 15;

2. si conferma la Via Crucis “itinerante” da 

celebrare in 4 zone del territorio, alle ore 20 

dei venerdì di marzo; ogni incontro avrà un 

tema specifico nelle seguenti date:

2 - Zona industriale via A. Moro - IL MON-

DO DEL LAVORO;

 9 - Zona scuole - CULTURA ED EDUCA-

ZIONE;


16 - Serre Furlan - AMBIENTE

23 - Parco Giochi Quartiere Giardino - LE 

RELAZIONI.

3. Il 23 febbraio, primo venerdì di Quaresi-

ma, la Via Crucis non si terrà per favorire la 

partecipazione alla Veglia di Preghiera per 

la Pace, programmata a Visnà per tutta l’U-

nità Pastorale.

4. Vengono infine confermati gli appun-

tamenti della Settimana Santa secondo lo 

schema dello scorso anno. Si concorda che 

la celebrazione del Sabato Santo - Veglia Pa-

squale - sarà unica e si svolgerà a San Polo.

Con la preghiera finale la riunione si con-

clude alle ore 22.30.

ratorio e dell’associazione stessa: questo ri-

chiede sicuramente impegno e costanza,ma 

soprattutto entusiasmo e volontà di mettersi 

continuamente in gioco per la Comunità ed 

il bene comune. Il rinnovo del consiglio è una 

tappa importante per l’associazione e per la 

Comunità ed ogni parrocchiano deve sentir-

si coinvolto e partecipe di questo evento. Per 

eventuali informazioni in merito contattare 

don Lucio al 3343246068 oppure Piero al 

3482269517.



4

SANPOLOTOUR 2018



Sabato 05 e domenica 06 maggio 2018

WEEK END NELLE MARCHE

Gradara – Loreto – Recanati – Urbino 



Da domenica 22 luglio a venerdì 27 luglio 2018

CITTA’ STORICHE DELLA GERMANIA

Ratisbona – Dresda – Berlino – Norimberga 

Per informazioni e programmi rivolgersi in sede

(presso la Pro Loco) al mercoledì dalle 18,30 alle 19,30



5

GRAZIE INFINITE!

Buongiorno a tutti.

A pochi mesi dal mio incarico mi sento 

onorata di ringraziare immensamente tutta 

la comunità di San Polo per il grande soste-

gno ed interesse verso la nostra scuola. Un 

grazie particolare a tutte quelle persone ed 

associazioni che attivamente contribuisco-

no con la loro generosità e disponibilità a 

mantener “viva” la scuola. A nome di tutti i 

bambini ed insegnanti GRAZIE a:

-Gruppo Alpini di San Polo sempre pronti e 

disponibili a darci una mano nell’organizza-

zione delle feste.

-Gruppo Agricoltori di San Polo che nell’oc-

casione della Festa del Ringraziamento ci 

hanno devoluto l’intero ricavato della lot-

teria.

-Associazioni “La Piave” e “Dignità Rispet-



to e Solidarietà” per la cena organizzata in 

modo splendido, in quel di Cimadolmo, che 

ha visto donare alle scuole del territorio il 

ricavato della serata. 

-Le nostre mamme, disponibili nella prepa-

razione e vendita delle torte.

-Le mamme “Cre-Attive” per la vendita dei 

loro preziosi oggetti.

E poi ancora Grazie a due persone che pre-

feriscono rimanere nell’anonimato, ma che 

con il loro contributo abbiamo potuto so-

stenere alcune spese di materiale didattico. 

Ringraziamo di vero cuore “la zia” e l’amico 

di “Robin Hood”.

E a tutti voi sostenitori che ci dedicate un 

po’ del vostro tempo… GRAZIE, GRAZIE 

INFINITE!

San Polo di Piave, 10 dicembre 2017

La Coordinatrice

LA FESTA DI NATALE

Sabato 16 dicembre, come ogni anno, si è 

svolta presso la sala del Patronato la Festa 

di Natale. Non uno spettacolo, ma un mo-

mento di Festa in cui una grande famiglia 

si è riunita per ricordare la nascita di Gesù.

I bambini e le insegnanti si sono prepara-

ti per rappresentare questo momento in 

un modo molto speciale. Due i temi che 

quest’anno ci hanno portato a prepararci 

alla natività per poterla raccontare. Uno 

strettamente legato al nostro progetto di-

dattico che vede i bambini coinvolti nella 

conoscenza delle diverse culture e che li ha 

portati a scoprire uno strumento interes-

sante per raccontare le storie: il Kamishi-

bai che arriva dalla cultura Giappone.  Un 

altro importante tema che abbiamo voluto 

ricordare in questa occasione sono i diritti 

dei bambini. Noi abbiamo scelto il diritto di 

“Libertà di Espressione” intesa in ogni sua 

forma: parlata, cantata, scritta, danzata e 

rappresentata. Alla luce di questi importanti 

elementi, i bambini si sono attivati e propo-

sti nella realizzazione e creazione di ciò che 

sentivano più adatto al loro modo di essere. 

La Festa ha visto così attivi tutti i bambini 

nel rappresentare, creare, raccontare e can-

tare la lieta novella portata dall’Angelo che 

ci ha condotti a Betlemme per lodare Gesù.

Doverosi i ringraziamenti prima di tutto ai 

bambini che sono riusciti a rimanere attenti 

e disponibili in queste settimane di prepara-

zione, alle loro insegnanti che si adoperano 

nell’accompagnarli nel loro percorso di cre-

scita e a tutti i presenti perché “esserci” non 

è sempre scontato, ma sicuramente rinvia ai 

nostri piccoli il nostro interesse e parteci-

pazione alla vita scolastica. A nome di tutti 

i bambini e insegnanti i nostri più calorosi 

auguri per un sereno Natale, che possa il 

piccolo Gesù scaldare le vostre case e i vo-

stri cuori.

San Polo di Piave, 20 dicembre 2017

La Coordinatrice



6

Sempre con noi

30 (corredati da un’immagine)

Sono  trascorsi  ormai 

quattro  anni…  con  im-

mutato  amore,  la  moglie 

con Guido, Gabriele e Gi-

nevra, il fratello, la sorella, 

i cognati e nipoti.

BRUNO


ANDREETTA

n. 22.12.1942 m. 19.03.2014

Il  Signore  ti  ha  chiamato 

con  Sé  nel  giorno  di  Na-

tale.  Ora  che  sei  accanto 

a Lui veglia su di noi. Un 

bacio. I tuoi cari. 

DOMENICO


BASEI

n. 14.08.1922 m. 25.12.2017

Lo  scorrere  del  tempo 

non  cancella  la  tua  im-

magine  dai  nostri  cuori. 

Nel  quindicesimo  anni-

versario della morte, con 

-

cordano  la  tua  famiglia, 



i parenti e gli amici tutti. 

DINO


PALADIN 

n. 17.02.1941 m. 20.04.2003

Amarti  è  stato  facile,  di-

menticarti impossibile.

I tuoi cari.

STEFANO


CECCHETTO

n. 12.08.1973 m. 03.02.2006

Sono  passati  ormai  due 

anni, ma più il tempo pas-

sa, sempre più indimenti-

cabile sei per noi. Moglie, 

VALENTINO

PAGOTTO


n. 21.10.1951 m. 10.04.2016

Sono  passati  ormai  tre 

anni  da  quando  ci  hai 

lasciati, ma il ricordo dei 

tanti momenti passati in-

sieme è ancora vivo in tut-

ti  noi.  I  tuoi  cari  Marta, 

VITTORIO


DARIN

n. 18.04.1938 m. 05.03.2015

Sono trascorsi tre anni da 

quando  ci  hai  lasciati  ed 

il vuoto è sempre grande. 

Continua  a  vegliare  su 

tutti noi. I tuoi cari.

MARIA COLUSSI 

IN SACCON

n. 27.02.1936 m. 02.04.2015

Gli anni passano ma il tuo 

ricordo rimane e ci sostie-

ne giorno dopo giorno. Da 

lassù  continua  a  vegliare 

su di noi.

EVARISTO


CASONATO

n. 26.10.1921 m. 20.02.2008

ANTONIA SPINAZZÉ

VED. CECCHETTO

n. 18.10.1935 m. 08.01.2015

VIRGINIO


CECCHETTO 

n. 24.11.1928 m. 15.03.2002

presenza ci accompagna sempre. Continuate a veglia-

re su di noi. Figli, nipoti, nuore, genero e parenti tutti.

GIOVANNA TONON 

VED. CITRON

n. 21.10.1925 m. 16.12.2014

GINO 


CITRON

n. 21.04.1922 m. 04.03.2007

Il vostro ricordo è sempre presente fra tutti coloro che 

ROSALIA CATTELAN

VED. PALADIN

n. 03.10.1926 m. 22.05.2013

PAOLO

PALADIN


n. 25.01.1926 m. 12.01.1998

Sempre presenti nel ricordo dei vostri cari. 

NARCISO 

CESCONETTO

LUIGIA 

DAL POS


Luigia  Dal Pos il 27.08.2017 ha raggiunto in cielo il marito  

-

“Sarete sempre nei nostri cuori”.



EMMA JUST

VED. PADOVAN

n. 11.05.1921 m. 24.04.2008

GIACOMO


PADOVAN 

n. 10.09.1919 m. 28.12.1975

Siete  sempre  presenti  nel  cuore  dei  vostri  cari  e  nei 

ricordi  di  quanti  hanno  frequentato  il  bar  Florida 

(1958-1982).


7

LA Sorgente

periodico delle parrocchie di Rai e San Polo

anno XLVI n.1 (463)

Conto Corrente Postale intestato a:

Parrocchia Conversione di San Paolo

La Sorgente - San Polo di Piave (TV)

Per bonifici bancari:

IT 28 A 07061 12000 000087507601

I prossimi appuntamenti

CATECHESI



CATECHESI PREBATTESIMALE

per genitori e padrini

Il percorso proposto dalla Diocesi prevede un pri-

mo incontro con il Parroco e alcuni incontri con 

delle coppie che si sono preparate per questo ser-

vizio. 

In vista della prossima celebrazione dei Battesimi 



che si terranno a San Polo sabato 31 marzo e lunedì 

2 aprile, gli incontri, iniziati lo scorso 7 marzo pro-

seguiranno sempre di mercoledì il 14 dicembre e il 

21 marzo per concludersi mercoledì 4 aprile (sem-

pre alle 20.30 in Canonica). 



La PRESENTAZIONE E ACCOGLIENZA DEI 

BAMBINI è prevista per sabato 17 marzo alle ore 

18.30 in chiesa a San Polo. 

CATECHESI PRIMA E SECONDA 

ELEMENTARE

Gli incontri continueranno una volta al mese, 

di domenica, dalle 17.00 alle 18.00, con percorsi 

specifici per i genitori e i ragazzi. Il prossimo in-

contro è previsto per domenica 25 marzo. Alla fine 

dell’incontro ci fermiamo insieme in Oratorio per 

un momento conviviale.

CATECHESI PRIMA CONFESSIONE

Dopo i due incontri con i genitori il catechismo 

inizierà sabato 27 gennaio con cadenza quindici-

nale in Oratorio dalle 10.00 alle 11.30. La celebra-

zione del sacramento.

CATECHESI PRIMA COMUNIONE

Gli incontri iniziati ad ottobre hanno visto i ragaz-

zi accostarsi per la prima volta al sacramento della 

Riconciliazione sabato 16 dicembre. Riprenderan-

no sabato 13 gennaio con cadenza settimanale in 

preparazione alla S. Messa di Prima Comunione 

che sarà celebrata domenica 8 aprile alle ore 10.00. 

Dal mese di gennaio sono previsti incontri mensili 

con i genitori.

CATECHESI V ELEMENTARE

A  San Polo il sabato ogni quindici giorni dalle 

10.00 alle 11.30 (Oratorio)

Sabato 13 e 27 gennaio, 10 e 24 febbraio.



CATECHESI MEDIE

A  San Polo il lunedì ogni quindici giorni dalle 

14.30 alle 16.00 (Oratorio), compresi i ragazzi che 

riceveranno la Cresima il prossimo 21 gennaio 

Lunedì 8 e 22 gennaio, 6 e 20 febbraio.

CAMMINO DI EMMAUS (catechesi con gli adulti)

A partire da una proposta dei missionari P. Nata-

lino e P. Marcellino si sono formati quattro grup-

pi che si incontrano mensilmente in Canonica il 

martedì, il mercoledì (mattino e sera) e giovedì. 

L’incontro prevede una condivisione di vita a par-

tire da un brano del vangelo. 

I prossimi incontri si terranno il 16 - 17 - 18 gen-

naio e il 6 - 7 - 8 febbraio.

GRUPPO DEL VANGELO (Lectio Divina)

Il lunedì dalle 20.30 alle 21.30 in Canonica a San 

Polo.

ACR

 

A San Polo il sabato pomeriggio in Oratorio, a 



partire dalle 15.00.

A

TTIVITÀ ORATORIO

L’Oratorio sarà aperto tutti i sabati dalle 15.00 alle 

17.00 con tante attività, giochi e laboratori.



ASSOCIAZIONE NOI

Circolo “Beta Chiara Luce Badano”

Si incontra di regola il giovedì alle ore 20.30 in 

Oratorio. Per le iniziative rimandiamo al foglietto 

settimanale “Il Tralcio”

LITURGIA

MONASTERO INVISIBILE

Terzo giovedì del mese dalle 20.30 alle 21.30 in 

Chiesa a San Polo.

PROVE CORO “250”

Il coro si incontra per le prove normalmente il 

martedì alle 20.45 in Chiesa

PROVE CORALE SAN POLO - RAI

La Corale si incontra per le prove normalmente 

il mercoledì alle 20.45 in Chiesa a San Polo

PROVE CORO “Le Voci amiche”

Il coro si incontra per le prove normalmente il 

lunedì alle 20.45 in Chiesa a Rai

SACRAMENTI



BATTESIMI  2017

San Polo

Domenica 7 gennaio ore 10.30 - Battesimo del 

Signore

Sabato 31 marzo - Solenne Veglia Pasquale



Lunedì 2 aprile ore 10.00

PRIMA COMUNIONE 2017

San Polo: Domenica 30 aprile ore 10.00



PRIMA CONFESSIONE

San Polo: Sabato 12 maggio ore 16.00



PREGHIERA DEL MATTINO

Il martedì, il mercoledì e il giovedì ci incon-

triamo alle ore 7.00 in cappella Papa Luciani 

per recitare le lodi, ascoltare la Parola di Dio e 

trovare del tempo per la meditazione. Un’espe-

rienza sempre positiva per iniziare la giornata 

nel nome del Signore. L’invito è rivolto a tutti, 

indipendentemente dall’età.



S. MESSE FERIALI (orario invernale)

S. Polo:  Lunedì ore 18.30 | Martedì ore 18.30 | 

Mercoledì ore 16.00 (Casa di Riposo) | Venerdì 

ore 18.30

Rai: Giovedì ore 18.30 (da maggio a settembre 

alla Caminada)

UNITÀ PASTORALE

PRIMO VENERDÌ DEL MESE

Adorazione Eucaristica e disponibilità di alcuni 

sacerdoti per le Confessioni.

Il primo venerdì del mese alle ore 20.45 a Vaz-

zola

CARITÀ


Dopo la bella esperienza della prima giornata 

mondiale dei poveri e l’incontro con le perso-

ne aiutate dalla Caritas e dalla San Vincenzo si 

spera di trovare sempre nuove forme per condi-

videre momenti di festa e di dialogo anche con 

persone di altre culture o religioni. Per questo 

potrebbe essere utile approfittare del centro di 

ascolto della Caritas presso l’oratorio (entrata 

dalla parte di via Donatori di Sangue lato Casa 

di Riposo), aperto tutti i lunedì dalle 19.00 alle 

20.00 per trovare sempre nuove modalità e pos-

sibilità di incontrarci.

APOSTOLATO

DELLA PREGHIERA

Intenzioni Marzo 2018

per l’Evangelizzazione 

Perchè tutta la Chiesa riconosca l’urgenza della 

formazione al discernimento spirituale,  sul 

piano personale e comunitario.

dei Vescovi 

Perchè i detenuti siano sostenuti nel loro percor-

so di recupero dalle istituzioni,  dagli educatori e 

dai volontari.

Intenzioni Aprile 2018

per l’Evangelizzazione

Perché, nei paesi asiatici, i cristiani, come pure 

le altre minoranze religiose, possano vivere la 

loro fede con tutta libertà.

dei Vescovi

Perché i responsabili politici promuovano con 

onestà e saggezza il bene comune, mantenendo 

al centro la dignità della persona.

Direttore respondabile: Sac. Giovanni Dan; editore: 

Parrocchia delle Conversione di San Paolo

Piazza Papadopoli, 7 - 31020 San Polo di Piave (TV)

Tel. e fax +39 0422 855017 | Aut. Trib. di Treviso n. 502 

del 18.10.1982 | distribuzione gratuita | Poste Italiane SpA 

spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in 

L. 27.02.2004, n.46) art. 1, comma 2 , DCB TV

Stampa: TIPSE, Vittorio Veneto

Dalle pagine della Sorgente giunga in occasio-

ne delle Festività Natalizie un sentito ringra-

ziamento a tutte e tutti coloro che in qualsiasi 

modo contribuiscono a rendere la nostra chiesa 

sempre più bella! In particolare un grazie alla 

“Fioreria Furlan” e alla “Lavanderia moderna” 

per la sempre squisita disponibilità.


Sante Messe della 

Domenica delle Palme

ore 8.00

 San Polo



ore 9.00

 Rai - Benedizione dell’Ulivo



ore 10.30

 San Polo - Benedizione dell’Ulivo

DOMENICA 25 MARZO

ore 8.30

 Santa Messa del Crisma in Cattedrale



ore 16.00  

Rai - In Coena Domini



ore 20.30

 San Polo -  In Coena Domini

Alla Santa Messa della sera seguirà l’Adorazione notturna.

GIOVEDI 29 MARZO



Celebrazioni del 

Giovedì Santo

ore 7.00

 San Polo - Lodi e Ufficio di Lettura



ore 15.00

 San Polo - Azione liturgica



ore 15.00  

Rai - Azione liturgica



ore 20.30 

Rai - Via Crucis con la partecipazione delle due comunità

VENERDI 30 MARZO

Celebrazioni del 

Venerdì Santo

ore 10.00

 Santa messa e battesimi (San Polo)

LUNEDI 2 APRILE

Lunedì dell’Angelo

ore 7.00

 San Polo - Lodi e Ufficio di Lettura 



Solenne Veglia Pasquale

ore 21.00

 - San Polo



Benedizione del fuoco e del cero, canto dell’Exultet, Liturgia della Parola, Litur-

gia Battesimale, Liturgia Eucaristica.

SABATO 31 MARZO



Celebrazioni del 

Sabato Santo

ore 8.00

 San Polo

ore 9.00

 Rai


ore 10.30 

San Polo


Pasqua di Resurrezione:

Sante Messe

DOMENICA 1 APRILE



San Polo, ore 7.00

 Santa Messa e Meditazione



San Polo, ore 16.00 

Esposizione del SS. Sacramento e adorazione eucaristica



San Polo, ore 19.30 

Recita dei vespri - Benedizione - Reposizione



San Polo, ore 20.00 

Santa Messa

LUNEDI 26,  MARTEDI 27 E MERCOLEDI 28 MARZO

Adorazione

Eucaristica

SAN POLO - Lunedì, Martedì e Mercoledì Santo: 8.30-12.00 e 15.30-20.00

Venerdì Santo: 8.30-12.00 e 17.00-19.00 | Sabato Santo: 8.30-12.00 e 15.30-20.00

I, II e III Media: Lunedì 14.30

CONFESSIONI

LA SETTIMANA SANTA

a San Polo e Rai




Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling