Si dicono religioni monoteiste quelle che professano la fede in un solo Dio. Si dicono religioni monoteiste quelle che professano la fede in un solo Dio


Download 445 b.
Sana25.08.2018
Hajmi445 b.



Si dicono religioni monoteiste quelle che professano la fede in un solo Dio.

  • Si dicono religioni monoteiste quelle che professano la fede in un solo Dio.

  • Il termine deriva dal greco mónos (uno solo) e Theós (Dio).

  • Le tre religioni monoteiste sono l’ebraismo, il cristianesimo e l’islamismo.





Islamismo deriva dalla parola araba islàm che significa “sottomissione a Dio”. Da qui il termine islamico.

  • Islamismo deriva dalla parola araba islàm che significa “sottomissione a Dio”. Da qui il termine islamico.



La fede islamica può essere espressa attraverso due formule sintetiche valide per ciascun musulmano:

  • La fede islamica può essere espressa attraverso due formule sintetiche valide per ciascun musulmano:

  •  

  • Imàn (o formula della salvaguardia): “Credo fermamente in Dio uno e unico, e nei suoi angeli, e nei suoi libri rivelati ai profeti, e negli inviati di Dio (profeti), e nel giorno del Giudizio, e nella vita dopo la morte”.

  • 2. Islàm (o abbandono in Dio): “Confesso che non c’è Dio all’infuori di Allah e Maometto è il suo profeta, professo la chiamata alla preghiera, l’obbligo dell’elemosina, del digiuno di Ramadan e del pellegrinaggio alla Mecca”.



…è il libro sacro dei musulmani che contiene la rivelazione fatta da Dio in lingua araba a Maometto nel VI secolo: “Il Corano rappresenta il messaggio di Dio in arabo agli Arabi”. Dettato dallo stesso profeta, il Corano è formato da 114 capitoli (sure) in prosa rimata.

  • …è il libro sacro dei musulmani che contiene la rivelazione fatta da Dio in lingua araba a Maometto nel VI secolo: “Il Corano rappresenta il messaggio di Dio in arabo agli Arabi”. Dettato dallo stesso profeta, il Corano è formato da 114 capitoli (sure) in prosa rimata.



Sono cinque:

  • Sono cinque:

  • Professione di fede in Allah e nel suo profeta Maometto;

  • Preghiera;

  • Elemosina;

  • Ramadan;

  • Pellegrinaggio alla Mecca;



I musulmani credono che il loro Dio ha creato dal nulla tutte le cose; egli predestina gli uomini al bene o al male e non può essere rappresentato poiché è assolutamente misterioso. A questo Dio sono attribuiti novantanove nomi positivi (onnipotente, giusto, sapiente…), mentre il centesimo - il suo vero nome - rimane sconosciuto ed è sostituito dall’appellativo Allah che significa semplicemente “Dio”. Allah è un Dio unico. Gli islamici ripongono la loro fede nel Corano consegnato a Maometto dall’arcangelo Gabriele, ma accettano e riconoscono anche altri libri sacri quali il Pentateuco, i Salmi, il Vangelo. Maometto ha ricevuto la rivelazione direttamente da Allah in lingua araba, per questo è il primo ed il più grande dei profeti. I musulmani credono anche in altre figure storiche considerate profeti, seppur non alla stregua di Maometto: Abramo, Giacobbe, Giuseppe, Mosè, Davide, Salomone, Giovanni Battista, Gesù. I musulmani credono anche nell’immortalità dell’anima la quale è considerata una sorta di soffio angelico che rimane invisibile e imperscrutabile fino al giorno del Giudizio. Credono inoltre che i morti risorgeranno per essere destinati al paradiso oppure all’inferno. Paradiso e inferno sono immaginati come luoghi di piaceri fisici ed estetici o privazione di essi. I peccatori che tuttavia hanno osservato la dottrina rimarranno all’inferno finché Maometto non li avrà liberati; chi invece è morto per l’Islam sarà accolto in paradiso immediatamente, senza passare per il Giudizio finale.

  • I musulmani credono che il loro Dio ha creato dal nulla tutte le cose; egli predestina gli uomini al bene o al male e non può essere rappresentato poiché è assolutamente misterioso. A questo Dio sono attribuiti novantanove nomi positivi (onnipotente, giusto, sapiente…), mentre il centesimo - il suo vero nome - rimane sconosciuto ed è sostituito dall’appellativo Allah che significa semplicemente “Dio”. Allah è un Dio unico. Gli islamici ripongono la loro fede nel Corano consegnato a Maometto dall’arcangelo Gabriele, ma accettano e riconoscono anche altri libri sacri quali il Pentateuco, i Salmi, il Vangelo. Maometto ha ricevuto la rivelazione direttamente da Allah in lingua araba, per questo è il primo ed il più grande dei profeti. I musulmani credono anche in altre figure storiche considerate profeti, seppur non alla stregua di Maometto: Abramo, Giacobbe, Giuseppe, Mosè, Davide, Salomone, Giovanni Battista, Gesù. I musulmani credono anche nell’immortalità dell’anima la quale è considerata una sorta di soffio angelico che rimane invisibile e imperscrutabile fino al giorno del Giudizio. Credono inoltre che i morti risorgeranno per essere destinati al paradiso oppure all’inferno. Paradiso e inferno sono immaginati come luoghi di piaceri fisici ed estetici o privazione di essi. I peccatori che tuttavia hanno osservato la dottrina rimarranno all’inferno finché Maometto non li avrà liberati; chi invece è morto per l’Islam sarà accolto in paradiso immediatamente, senza passare per il Giudizio finale.



Gesù è considerato un profeta ma non il Figlio di Dio né tantomeno Dio: “Non vi è altro Dio al di fuori di Allah e Maometto è il suo profeta”.

  • Gesù è considerato un profeta ma non il Figlio di Dio né tantomeno Dio: “Non vi è altro Dio al di fuori di Allah e Maometto è il suo profeta”.

  • Nella XIX sura del Corano così si legge: “Gli empi affermano: Allah si è preso un figlio. Avete detto qualcosa di mostruoso. Manca poco che si spacchino i cieli, si apra la terra e cadano a pezzi le montagne, perché attribuiscono un figlio al Compassionevole. Non si addice al Compassionevole prendersi un figlio. Tutte le creature dei cieli e della terra si presentano come servi al Compassionevole”.

  • Gli islamici credono nella nascita verginale di Gesù da Maria e venerano la Madonna. Non credono però nella crocifissione, nella risurrezione e quindi nella redenzione; ritengono piuttosto che il profeta Gesù sia stato innalzato direttamente al cielo da Dio, senza passare per la croce. La passione sarebbe stata subita da un uomo reso simile a Gesù agli occhi dei suoi persecutori, ma non da Gesù.



I musulmani pregano cinque volte al giorno con lo sguardo rivolto verso la Mecca: “Ognuno ha una direzione verso la quale volgere il viso. Gareggiate nel bene. Ovunque voi siate, Allah vi riunirà tutti. In verità Allah è Onnipotente. E da qualunque luogo tu esca, volgi il tuo viso verso la Santa Moschea, ecco la verità data dal tuo Signore e Allah non è disattento a quello che fate. E allora, da qualunque luogo tu esca, volgi il tuo viso verso la Santa Moschea. Ovunque voi siate, rivolgetele il viso, sì che la gente non abbia pretesti contro di voi - eccetto quelli di loro che prevaricano - : non temeteli, ma temete Me, affinché realizzi per voi la Mia Grazia e forse sarete ben guidati” (II Sura).

  • I musulmani pregano cinque volte al giorno con lo sguardo rivolto verso la Mecca: “Ognuno ha una direzione verso la quale volgere il viso. Gareggiate nel bene. Ovunque voi siate, Allah vi riunirà tutti. In verità Allah è Onnipotente. E da qualunque luogo tu esca, volgi il tuo viso verso la Santa Moschea, ecco la verità data dal tuo Signore e Allah non è disattento a quello che fate. E allora, da qualunque luogo tu esca, volgi il tuo viso verso la Santa Moschea. Ovunque voi siate, rivolgetele il viso, sì che la gente non abbia pretesti contro di voi - eccetto quelli di loro che prevaricano - : non temeteli, ma temete Me, affinché realizzi per voi la Mia Grazia e forse sarete ben guidati” (II Sura).



Le preghiere vanno rivolte ad Allah all’alba, a mezzogiorno, nel pomeriggio, al tramonto e alla sera; la più importante delle preghiere islamiche è quella di mezzogiorno, soprattutto quella del venerdì, giorno considerato festivo. Ogni fedele di sesso maschile è obbligato alla preghiera del venerdì nella moschea. La preghiera è preceduta da abluzioni rituali allo scopo di purificare i fedeli e renderli idonei alla lode e a toccare il Corano. Ci si lava la faccia, le braccia e i piedi. Se l’impurità (contaminazione) è particolarmente grave – come nel caso dei rapporti sessuali – prima della preghiera è necessario fare il bagno. Le preghiere sono brevi e tutte tratte dal Corano o dagli Hadith, racconti della vita e dei discorsi di Maometto. La posizione del corpo durante la preghiera varia nel corso della preghiera stessa: all’inizio si rimane in piedi, successivamente ci si prostra sopra un tappeto o una stuoia con la fronte piegata fino a terra.

  • Le preghiere vanno rivolte ad Allah all’alba, a mezzogiorno, nel pomeriggio, al tramonto e alla sera; la più importante delle preghiere islamiche è quella di mezzogiorno, soprattutto quella del venerdì, giorno considerato festivo. Ogni fedele di sesso maschile è obbligato alla preghiera del venerdì nella moschea. La preghiera è preceduta da abluzioni rituali allo scopo di purificare i fedeli e renderli idonei alla lode e a toccare il Corano. Ci si lava la faccia, le braccia e i piedi. Se l’impurità (contaminazione) è particolarmente grave – come nel caso dei rapporti sessuali – prima della preghiera è necessario fare il bagno. Le preghiere sono brevi e tutte tratte dal Corano o dagli Hadith, racconti della vita e dei discorsi di Maometto. La posizione del corpo durante la preghiera varia nel corso della preghiera stessa: all’inizio si rimane in piedi, successivamente ci si prostra sopra un tappeto o una stuoia con la fronte piegata fino a terra.



L’elemosina imposta è detta zakat; essa è prevista dal Corano ed è stabilita dallo Stato che sullo stesso Corano è fondato. L’elemosina serve per le opere di pubblico interesse o di beneficenza, per il culto e per la diffusione dell’Islam. L’elemosina legale, oltre ad avere valore sociale, è ritenuta un mezzo per espiare i propri peccati; essa ha dunque anche un valore morale. E’ tuttavia possibile, oltre all’elemosina imposta, devolvere offerte libere alle casse delle mosche.

  • L’elemosina imposta è detta zakat; essa è prevista dal Corano ed è stabilita dallo Stato che sullo stesso Corano è fondato. L’elemosina serve per le opere di pubblico interesse o di beneficenza, per il culto e per la diffusione dell’Islam. L’elemosina legale, oltre ad avere valore sociale, è ritenuta un mezzo per espiare i propri peccati; essa ha dunque anche un valore morale. E’ tuttavia possibile, oltre all’elemosina imposta, devolvere offerte libere alle casse delle mosche.



Ramadan corrisponde al nono mese del calendario arabo. Il Ramadan è tempo sacro riservato alla riflessione personale, alla preghiera, al perdono e al digiuno.

  • Ramadan corrisponde al nono mese del calendario arabo. Il Ramadan è tempo sacro riservato alla riflessione personale, alla preghiera, al perdono e al digiuno.

  • Durante il Ramadan il ritmo della vita rallenta fino alla cessazione di ogni attività lavorativa. In questo periodo aumenta l’afflusso dei fedeli alle moschee.



La Mecca è la città sacra dei musulmani all’interno della quale si trova la kaaba; questa è una costruzione cubica (m. 9 x 12) situata nel cortile della grande moschea che si ritiene edificata da Abramo con l’aiuto del figlio Ismaele. All’esterno dell’angolo sud-est della kaaba si trova incastonata la Pietra Nera, un meteorite identificato, prima dell’avvento di Maometto, con il dio locale Hubal. All’interno della kaaba è possibile vedere l’impronta del piede di Abramo, la tomba di Agar e quella di Ismaele. Ciascun musulmano deve recarsi alla Mecca almeno una volta nella vita per esprimere la propria sottomissione a Dio, l’uguaglianza tra gli uomini, l’unità musulmana e la purificazione-sacrificio. Nel corso della permanenza alla Mecca non è consentito radersi, tagliarsi i capelli e le unghie, avere rapporti sessuali, litigare o far del male a qualcuno. Il rito della visita alla Mecca è regolato da apposite norme che i musulmani osservano scrupolosamente.

  • La Mecca è la città sacra dei musulmani all’interno della quale si trova la kaaba; questa è una costruzione cubica (m. 9 x 12) situata nel cortile della grande moschea che si ritiene edificata da Abramo con l’aiuto del figlio Ismaele. All’esterno dell’angolo sud-est della kaaba si trova incastonata la Pietra Nera, un meteorite identificato, prima dell’avvento di Maometto, con il dio locale Hubal. All’interno della kaaba è possibile vedere l’impronta del piede di Abramo, la tomba di Agar e quella di Ismaele. Ciascun musulmano deve recarsi alla Mecca almeno una volta nella vita per esprimere la propria sottomissione a Dio, l’uguaglianza tra gli uomini, l’unità musulmana e la purificazione-sacrificio. Nel corso della permanenza alla Mecca non è consentito radersi, tagliarsi i capelli e le unghie, avere rapporti sessuali, litigare o far del male a qualcuno. Il rito della visita alla Mecca è regolato da apposite norme che i musulmani osservano scrupolosamente.





La figura religiosa di maggiore importanza è l’Imam; questi è la guida spirituale cui è affidato il compito di guidare la preghiera nelle moschee. L’imam è designato dalla comunità stessa è può contrarre matrimonio.

  • La figura religiosa di maggiore importanza è l’Imam; questi è la guida spirituale cui è affidato il compito di guidare la preghiera nelle moschee. L’imam è designato dalla comunità stessa è può contrarre matrimonio.

  • Oltre all’imam, nel mondo musulmano esistono gli Ulemas, cioè i dottori della legge che possiedono una profonda conoscenza del Corano; anche gli ulemas possono sposarsi.

  • Un’altra figura religiosa è il Marabutto, vale a dire un santo degno di venerazione o il fondatore di una confraternita o ancora un predicatore dell’Islam.

  • Degni di nota sono pure i Sufi, cioè i mistici e pensatori islamici.



Nel mondo islamico la religione permea completamente la vita sociale, sicché la stessa società è fondata sulle norme contenute nel Corano che, oltre ai precetti religiosi, contiene anche norme di carattere morale, igienico e giuridico. Il Corano è il testo ufficiale della cultura e dei governi musulmani.

  • Nel mondo islamico la religione permea completamente la vita sociale, sicché la stessa società è fondata sulle norme contenute nel Corano che, oltre ai precetti religiosi, contiene anche norme di carattere morale, igienico e giuridico. Il Corano è il testo ufficiale della cultura e dei governi musulmani.



Gli infedeli non possono accedere alle cariche pubbliche né rivestire particolari uffici di potere.

  • Gli infedeli non possono accedere alle cariche pubbliche né rivestire particolari uffici di potere.

  • La società musulmana è tipicamente maschilista a norma della IV Sura del Corano che recita testualmente: “Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre”. Soltanto gli uomini godono la piena capacità giuridica. Alle donne il Corano riconosce diritti limitati, anche se a partire dagli anni Venti, conseguentemente all’impegno profuso dal movimento femminista sorto in Egitto, la posizione sociale della donna musulmana è molto migliorata.



la famiglia: il matrimonio tra musulmani è soltanto un contratto stipulato davanti a un giudice, contratto dal quale si può essere sciolti mediante divorzio. Un musulmano può sposare donne ebree o cristiane, mentre le donne possono sposare solo uomini musulmani, o uomini ebrei o cristiani che promettono di convertirsi all’Islam. Il matrimonio è poligamico e l’uomo può avere fino a quattro mogli purché riservi a ciascuna di esse la stessa maritale attenzione; quest’ultima clausola fa sì che in realtà la poligamia è esercitata raramente (meno del 5%). In alcuni Paesi, come la Tunisia, è stata imposta la monogamia.

  • la famiglia: il matrimonio tra musulmani è soltanto un contratto stipulato davanti a un giudice, contratto dal quale si può essere sciolti mediante divorzio. Un musulmano può sposare donne ebree o cristiane, mentre le donne possono sposare solo uomini musulmani, o uomini ebrei o cristiani che promettono di convertirsi all’Islam. Il matrimonio è poligamico e l’uomo può avere fino a quattro mogli purché riservi a ciascuna di esse la stessa maritale attenzione; quest’ultima clausola fa sì che in realtà la poligamia è esercitata raramente (meno del 5%). In alcuni Paesi, come la Tunisia, è stata imposta la monogamia.

  • la moschea

  • il mercato (bazar)

  • il palazzo del governatore



La comunità dei credenti, detta umma, conta oggi circa un miliardo di fedeli sparsi nel mondo. La umma si divide principalmente in sunniti e sciiti.

  • La comunità dei credenti, detta umma, conta oggi circa un miliardo di fedeli sparsi nel mondo. La umma si divide principalmente in sunniti e sciiti.



I sunniti costituiscono la frangia tradizionale fedele all’insegnamento di Maometto e di Abu Beker, primo successore e suocero del profeta. Il loro nome deriva da sunna, cioè “regola di condotta” da intendere come “tradizione” - detta anche hadith (“notizia”) - che raccoglie i detti e gli atti di Maometto. Corano e Hadith costituiscono le principali fonti della religione e del diritto islamico. Per i sunniti, il Corano è rivelazione eterna ed increata, mentre gli imam o califfi sono guide simboliche della umma ma non hanno alcun potere soprannaturale, come invece ritengono gli sciiti; l’unico depositario della rivelazione divina, infatti, è Maometto. I sunniti costituiscono oggi circa il 90% dei musulmani.

  • I sunniti costituiscono la frangia tradizionale fedele all’insegnamento di Maometto e di Abu Beker, primo successore e suocero del profeta. Il loro nome deriva da sunna, cioè “regola di condotta” da intendere come “tradizione” - detta anche hadith (“notizia”) - che raccoglie i detti e gli atti di Maometto. Corano e Hadith costituiscono le principali fonti della religione e del diritto islamico. Per i sunniti, il Corano è rivelazione eterna ed increata, mentre gli imam o califfi sono guide simboliche della umma ma non hanno alcun potere soprannaturale, come invece ritengono gli sciiti; l’unico depositario della rivelazione divina, infatti, è Maometto. I sunniti costituiscono oggi circa il 90% dei musulmani.



Gli sciiti costituiscono, dopo i sunniti, il secondo importante gruppo islamico, circa il 10% dei musulmani. Essi si rifanno ad Alì, cugino e genero di Maometto, marito di sua figlia Fatima, considerato unico legittimo successore del profeta. Gli sciiti insistono sul principio della discendenza di sangue da Maometto, quale condizione per assurgere al grado di imam (califfo). Per gli sciiti, infatti, l’imam è il successore di Alì nel ministero politico e religioso ed è dotato di ogni sapienza e di poteri taumaturgici, essendo il custode – come già Maometto - della divina verità. Gli sciiti, a differenza dei sunniti, ritengono che il Corano proviene da Allah che, tuttavia, l’ha creato nel tempo. Si oppongono ai sunniti dei quali non riconoscono la legittimità degli imam poiché manca, sin dall’inizio, l’elemento ereditario. Gli sciiti attendono l’ultimo imam che si manifesterà nella storia alla fine dei tempi.

  • Gli sciiti costituiscono, dopo i sunniti, il secondo importante gruppo islamico, circa il 10% dei musulmani. Essi si rifanno ad Alì, cugino e genero di Maometto, marito di sua figlia Fatima, considerato unico legittimo successore del profeta. Gli sciiti insistono sul principio della discendenza di sangue da Maometto, quale condizione per assurgere al grado di imam (califfo). Per gli sciiti, infatti, l’imam è il successore di Alì nel ministero politico e religioso ed è dotato di ogni sapienza e di poteri taumaturgici, essendo il custode – come già Maometto - della divina verità. Gli sciiti, a differenza dei sunniti, ritengono che il Corano proviene da Allah che, tuttavia, l’ha creato nel tempo. Si oppongono ai sunniti dei quali non riconoscono la legittimità degli imam poiché manca, sin dall’inizio, l’elemento ereditario. Gli sciiti attendono l’ultimo imam che si manifesterà nella storia alla fine dei tempi.



All’interno del vasto panorama islamico esistono numerosi altri sottogruppi creatisi in seguito a scissioni dai gruppi originari dei sunniti e degli sciiti.

  • All’interno del vasto panorama islamico esistono numerosi altri sottogruppi creatisi in seguito a scissioni dai gruppi originari dei sunniti e degli sciiti.



I contrasti tra musulmani e cristiani trovarono il loro tragico apice nel Medioevo a motivo delle Crociate che dall’Occidente muovevano verso Oriente alla conquista del Santo Sepolcro.

  • I contrasti tra musulmani e cristiani trovarono il loro tragico apice nel Medioevo a motivo delle Crociate che dall’Occidente muovevano verso Oriente alla conquista del Santo Sepolcro.



Nella seconda metà del XX sec. andò aprendosi la strada del dialogo; basti citare in merito quanto il Concilio Ecumenico Vaticano II ha espresso nella Dichiarazione sulle relazioni della chiesa con le religioni non-cristiane Nostra Aetate:

  • Nella seconda metà del XX sec. andò aprendosi la strada del dialogo; basti citare in merito quanto il Concilio Ecumenico Vaticano II ha espresso nella Dichiarazione sulle relazioni della chiesa con le religioni non-cristiane Nostra Aetate:

  • “La chiesa guarda con stima anche i musulmani che adorano l’unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti anche nascosti di Dio, come si è sottomesso Abramo, al quale la fede islamica volentieri si riferisce. Benché essi non riconoscano Gesù come Dio, lo venerano però come profeta, onorano Maria la sua Madre verginale, e talvolta pure la invocano con devozione. Inoltre attendono il giorno del giudizio quando Dio retribuirà tutti gli uomini risuscitati. Per questo essi apprezzano la vita morale e rendono culto a Dio soprattutto con la preghiera, le elemosine e il digiuno. E sebbene, nel corso dei secoli, non pochi dissensi e inimicizie sono sorti tra cristiani e musulmani, il sacrosanto sinodo esorta tutti a dimenticare il passato e a esercitare sinceramente la mutua comprensione, nonché a difendere e promuovere insieme, per tutti gli uomini, la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà”.



A partire dal Concilio, la Chiesa Cattolica, come pure il Consiglio Ecumenico delle Chiese costituito ad Amsterdam nel 1948, “cercano il colloquio coi musulmani. Il fine di tali incontri è di conoscersi meglio per smantellare i pregiudizi e collaborare nell’ambito sociale per il bene dell’umanità e per la pace nel mondo”.

  • A partire dal Concilio, la Chiesa Cattolica, come pure il Consiglio Ecumenico delle Chiese costituito ad Amsterdam nel 1948, “cercano il colloquio coi musulmani. Il fine di tali incontri è di conoscersi meglio per smantellare i pregiudizi e collaborare nell’ambito sociale per il bene dell’umanità e per la pace nel mondo”.



Dobbiamo ricercare il dialogo perché esso è davvero necessario. Un dialogo fondato sulla reciproca conoscenza, sul rispetto dell’altrui sensibilità e sulla valorizzazione degli elementi comuni.

  • Dobbiamo ricercare il dialogo perché esso è davvero necessario. Un dialogo fondato sulla reciproca conoscenza, sul rispetto dell’altrui sensibilità e sulla valorizzazione degli elementi comuni.

  • Dobbiamo considerare saggiamente il problema della reciprocità e dell’impostazione generale dell’Islamismo.

  • Dobbiamo sapere e insegnare alle nostre comunità che la sincerità è garanzia di verità.



Il modo migliore per un sereno approccio all’Islam è, dunque, lo sforzo serio di conoscenza.

  • Il modo migliore per un sereno approccio all’Islam è, dunque, lo sforzo serio di conoscenza.



Grazie per l’attenzione e…

  • Grazie per l’attenzione e…




Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling