Comune di san quirino piano regolatore generale comunale norme tecniche


Download 0.7 Mb.
bet1/9
Sana14.08.2018
Hajmi0.7 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 

Provincia di Pordenone 

 

 

COMUNE DI SAN QUIRINO 



 

 

 

 

 

 

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 

 

 

 

 

 

NORME   TECNICHE   di   

ATTUAZIONE 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aggiornato alla  variante n° 46 

adotta con D.C. n° 42 del 29.07.2005 

 

 (sull a base Variante generale n° 18 e successivi  aggiornamenti: varianti ) 



 



I N D I C E 

 

 

TITOLO PRIMO - DISPOSIZIONI GENERALI 



 

 

 



 

 

CAPO 1° - GENERALITA' 



 

 

Art. 



1  -  Elementi costitutivi della Variante al P.R.G.C.  

pag.  


Art. 


2  -  Applicazione e Contenuti del P.R.G.C.  

pag.  


 

 



 

CAPO 2° - INDICI URBANISTICI ED EDILIZI 

 

Art. 


3  -  Indici urbanistici 

pag.  


Art. 


4  -  Indici Edilizi 

pag.  


Art.   5  -  Distanze 

pag.  



 



 

TITOLO SECONDO - ATTUAZIONE DEL P.R.G.C. 

 

 



 

 

 



 

 

CAPO 1° - STRUMENTI DI ATTUAZIONE 



 

Art. 


6  -  Modalità di attuazione del P.R.G.C. 

pag.   10 

 

 

 



 

 

CAPO 2° - MODALITA' DELL'INTERVENTO DIRETTO 



 

Art. 


7  -  Utilizzazione degli indici e aree di pertinenza 

pag.   11 

Art. 

8  -  Rispetto dei caratteri ambientali nelle costruzioni 



pag.   12 

Art.   9  -  Classificazione degli interventi 

pag.   14 

 

 



TITOLO TERZO - PREVISIONI DEL P.R.G.C. 

 

 



 

 

CAPO 1° - ZONIZZAZIONE 



 

Art. 10 


-  Suddivisione del territorio in zone 

pag.   18 

 

CAPO 2° - ZONE CON PREVALENTE DESTINAZIONE 



RESIDENZIALE 

 

Art. 11 



-  Zona omogenea A0 

pag.   19 

Art. 12 

-  Sottozona A0.1 

pag.   20 

Art. 13 


-  Sottozona A0.2 

pag.   20 

Art. 14 

-  Ambiti di intervento unitari 

pag.   21 

Art. 15 


-  Flessibilità per gli ambiti di intervento unitario 

pag.   22 

Art. 16 

-  Ambito della piazza di S. Quirino 

pag.   22 

Art. 17 


-  Sottozona A0.3.1 

pag.   24 

Art. 18 

-  Sottozona A0.3.2 

pag.   24 

Art. 19 


-  Zona  omogenea B 

pag.   25 

Art. 20 

-  Sottozona B0 

pag.   25 

Art. 20/BIS-  Sottozona B0.1 

pag.   26 

Art. 21 


-  Sottozona B1 

pag.   27 

Art. 22 

-  Sottozona B1.1 

pag.   27 

Art. 23 


-  Sottozona B2 

pag.   28 



 

Art. 23/BIS-  Sottozona B2.1 



pag.   28 

Art. 24 


-  Sottozona B3 

pag.   29 

Art. 25 

-  Zona omogena C 

pag.   30 

Art. 26 


-  Sottozona C1 

pag.   30 

Art. 27 

-  Sottozona C1.1 

pag.   31 

Art. 27/BIS-  Sottozona C2.1 

pag.   32 

Art. 28 


-  Zona Vp  - verde privato 

pag.   33 

 

 

 



 

CAPO 3° - ZONE PRODUTTIVE 

 

Art. 29 


-  Zona omogenea D 

pag.   34 

Art. 30 

-  Sottozona D2 

pag.   34 

Art. 31 


-  Sottozona D2.1 

pag.   37 

Art. 32 

-  Sottozona D3 

pag.   37 

Art. 33 


-  Sottozona D4 

pag.   39 

Art. 33/BIS-  Sottozona D4.1 

pag.   40 

Art. 34   -  Zona omogenea E 

pag.   41 

Art. 35 

-  Specificazione degli interventi ammessi per singole  

 

 

 



zone e sottozone 

pag.   42 

Art. 36 

-  Zona omogenea E4 

pag.   45 

Art. 37 


-  Zona omogenea E5 

pag.   45 

Art. 38 

-  Sottozona E5.1 

pag.   46 

Art. 39 


-  Sottozona E5.2 

pag.   49 

Art. 40 

-  Sottozona E5.3 

pag.   50 

Art. 40 bis  Sottozona E5.4 

pag.   51 

Art. 41 


-  Zona omogenea E6.1 

pag.   51 

Art. 42 

-  Zona omogenea E6.2 

pag.   53 

Art. 43 


-  Norme generali per la tutela della componente vegetale 

pag.   56 

Art. 43/BIS-  Zona omogenea F4 

pag.   57 

Art. 43/TER- Zona omogenea F4.01 

pag.   57 

Art. 43/QUATER-Zona omogenea F4.02 

pag.   58 

Art. 43/QUINQUIES-Zona omogenea F4.03 

pag.   58 

Art. 43/SEXIES-Zona omogenea F4.04 

pag.   58 

Art. 44 

-  Zona omogenea P 

pag.   59 

Art. 45 


-  Zona omogenea H 

pag.   59 

Art. 46 

-  Sottozona H3 

pag.   59 

Art. 46/BIS   -Zona omogenea H c.a. 

pag.   61 

 

CAPO 4° - ZONE DI USO PUBBLICO E DI INTERESSE GENERALE 



 

Art. 47 


-  Zona per la viabilità 

pag.   62 

Art. 48 

-  Servizi e attrezzature collettive e di interesse generale 

pag.   63 

Art. 49 


-  Zona a vincolo speciale 

pag.   68 

Art. 50 

-  Zona militare 

pag.   71 

 

 



TITOLO QUARTO  - NORME TRANSITORIE VARIE 

 

 



Art. 51 

-  Facoltà di deroga 

pag.   72 

Art. 52 


-  Sottosuolo, cave e pozzi 

pag.   73 

Art. 53 

-  Prescrizioni per la tutela dell'ambiente 

pag.   73 

Art. 54 


-  Definizioni della destinazione d'uso 

pag.   74 



 



T I T O L O   P R I M O   -  D I S P O S I Z I O N I   G E N E R A L I 



 

C A P O  1° -   G E N E R A L I T A ' 

 

ART. 1 -  ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA VARIANTE AL P.R.G.C. 

      


Sono elementi costitutivi Variante al Piano Regolatore Generale Comunale 

(P.R.G.C.) gli elaborati di seguito indicati: 

 

1 -   Relazione Tecnico-Illustrativa 



 

2 -   Analisi dello stato di fatto 

 

2.1 -   Tavola 



A1.01  Aree urbanizzate e aree edificate   

scala 


1:5.000 

 

 



 

A1.02     "            "          "     "          "              

"   1:5.000 

2.2 -  Tavola 

A.2   Reti tecnologiche 

scala 


1:10.000  

 

A2.01  - 

Rete di fognatura 

     "   

1:10.000 

 

A2.02  - 

Rete idrica 

     " 


1:10.000 

 

A2.03  - 

Rete di illuminazione pubblica 

     " 


1:10.000 

 

A2.04  -   Rete di distribuzione energia 

 

 

 



elettrica 

     " 


1:10.000 

 

A2.05  - 

Rete telefonica 

     " 


1:10.000    

 

A2.06  - 

Rete metanodotto 

     " 


1:10.000 

 

A2.07  

Analisi Acque Pubbliche 

 



1:10.000 

 

2.3 - Tavola 



A3.01  P.R.G. vigente 

scala 


1:5.000 

 

 



 

A3.02      "           "  

     "    

1:5.000 

 

 



 

A3.03      "           "        San Quirino 

     "     

1:2.000 

 

 



 

A3.04      "           "        San Foca 

     " 


1:2.000 

 

 



 

A3.05      "           "        Sedrano   

     " 


1:2.000 

3  -  Progetto 



 

3.1 -  Tavola   



P.1  Struttura del piano 

scala 


1:10.000 

3.2 -  Tavola 



P2.01  Zonizzazione 

 



1:5.000 

 

 



P2.02           "         

 



1:5.000 

 

 



P3.01 

Zonizzazione dell'abitato di 

 

 

 



San Quirino 

scala 


1:2.000 

 

P3.02 

Zonizzazione della frazione di 

 

 



Sedrano   

 

"  



1:2.000 

 

P3.03 

Zonizzazione della frazione di 

 

 



San Foca 

 



1:2.000 

 

4  -  Norme Tecniche di Attuazione 



 

 

In caso di discordanza fra planimetrie di diversa scala, si intende prevalente il dato 



della planimetria con rapporto di riduzione minore. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



ART. 2  -   



APPLICAZIONE E CONTENUTI  DEL PIANO REGOLATORE  

GENERALE COMUNALE (P.R.G.C.) 

 

 

Il territorio Comunale di SAN QUIRINO è soggetto alle destinazioni d'uso, alle 



prescrizioni ed ai vincoli  contenuti nella (Var. n° 36) VARIANTE n° 18 di ricognizione dei 

vincoli al Piano Regolatore Generale Comunale (P.R.G.C.)  e successive varianti approvate 

(Var. n° 36). 

 

 



Le attività e le opere che comportano trasformazione urbanistica ed edilizia del 

territorio comunale sono disciplinate dalle prescrizioni del P.R.G.C., dalle presenti Norme di 

Attuazione, dalla Relazione Tecnica, dalla L.R. 52/91 e successive modifiche e integrazioni, 

nonché dalle disposizioni vigenti in materia.  

 

 

Al fine di una migliore valutazione dell'applicazione delle presenti norme fanno 



sempre testo gli allegati relativi alle tavole grafiche con rappresentazioni più dettagliate. 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



C A P O  2 °   -     I N D I C I    U R B A N I S T I C I    E D    E D I L I Z I 

 

 

 



 

ART. 3  -  INDICI  URBANISTICI 

 

 



 

1.  Superficie territoriale (ST) 

  

     


La superficie territoriale è quella comprendente le aree edificabili di una stessa zona 

prevista dallo strumento urbanistico vigente, comprensiva delle opere di urbanizzazione 

primaria e secondaria necessarie agli insediamenti, con l'esclusione di quelle destinate dal 

Piano Regolatore Generale Comunale alla rete principale della vi abilità. 

 

 

2.  Superficie fondiaria (SF) 



 

     


La superficie fondiaria è costituita dalla parte della superficie territoriale di pertinenza 

degli edifici. Si calcola sottraendo alla superficie territoriale le aree interessate dalle opere di 

urbanizzazione  primaria e, quando richieste, quelle relative alle opere di urbanizzazione 

secondaria.       

 

Sono invece da comprendere, ai fini del computo, il verde e i parcheggi privati. 



 

 

3.  Superficie per opere di urbanizzazione primaria (S1°) 



 

      Comprende le aree destinate alle seguenti opere (ai sensi dell'art. 91 della 

L.R. 52/91): 

 

a)  strade locali, ivi compresi i percorsi ciclabili e pedonali; 



b)  spazi di sosta e parcheggi, esclusi i parcheggi di interscambio; 

c)  nuclei elementari di verde; 

d)  rete di fognatura; 

e)  rete idrica; 

f)  illuminazione pubblica; 

g)  rete di distribuzione dell'energia elettrica; 

h)  rete telefonica; 

i) 


rete di distribuzione del gas. 

 

 



4.  Superficie per opere di urbanizzazione secondaria (S2°) 

 

      Comprende le aree destinate alle seguenti opere (ai sensi dell'art. 91 della 



L.R. 52/91): 

 

a)  strade di quartiere e di scorrimento; 



b)  asili nido e scuole materne; 

c)  scuole dell'obbligo; 

d)  chiese ed altri edifici religiosi; 

e)  impianti sportivi di quartiere; 

f)  centri sociali ed attrezzature culturali e sanitarie di quartiere; 

g)  aree verdi e di quartiere.  

 


 

 



5.  Indice di fabbricabilità territoriale (IT) 

 

     



 E' il volume massimo espresso in metri cubi costruibile per ogni ettaro di superficie 

territoriale (ST). 

 

 

6.  Indice di fabbricabilità fondiaria (IF) 



 

      


E' il volume massimo espresso in metri cubi, costruibile per ogni metro quadro di 

superficie fondiaria (SF). 

 

 

 



ART. 4  -  INDICI   EDILIZI 

 

 



1.  Superficie coperta (SC) 

 

 



E' la proiezione sul piano orizzontale di tutte le parti edificate fuori terra, delimitate 

dalle superfici esterne delle murature perimetrali, con esclusione degli sbalzi aperti, con 

aggetto o nicchie incavate e chiuse nei tre lati non superiore a ml. 1,50; nel caso di aggetti 

superiori viene computata la sola parte eccedente i ml. 1,50. 

 

Sono esclusi dal computo della superficie coperta i porticati ad uso pubblico, i 



parcheggi coperti entro i limiti di cui alla Legge 122/89  e le pensiline, non superiori a mt. 

1,50 quando al di sopra di essi non esistono vani abitabili. 

 

2.  Rapporto di copertura (RC) 



 

 

E' il rapporto percentuale tra la superficie coperta riferita a tutte le parti edificate e la 



superficie fondiaria (SF). 

 

3.  Volume edificato (V) 



 

 

E' il prodotto dell'altezza dell'edificio misurata dal pavimento del piano terra 



all'intradosso del soffitto dell'ultimo piano, per la superficie individuata: 

 

?



  dalla superficie esterna dei muri perimetrali; 

 

?



  dalla superficie di intersezione del corpo edificato con il terreno naturale o comunque 

non oltre un metro di riporto del terreno sistemato; 

 

?

  dalla superficie della parete esterna del piano di copertura o, qualora la soffitta o il 



sottotetto non sia abitabile,  dalla superficie dell'intradosso del soffitto dell'ultimo piano 

abitabile. 

 

 

Non concorrono alla formazione del volume: 



 

?

  i porticati aperti su due lati , i balconi, le balaustre, le cornici; 



 

?

  i posti auto coperti, (con altezza utile non superiore a m. 2,50) a servizio delle abitazioni 



previa dichiarazione e vincolo permanente di destinazione d'uso con atto registrato, e 

solo nei casi di edificazione in deroga agli indici urbanistici di zona; 

 

 


 

?



  i volumi tecnici situati sopra il soffitto dell'ultimo piano abitabile, extra-corsa degli 

ascensori, lavatoi, serbatoi dell'acqua, camini, apparecchiature per pannelli solari, vani 

per centrali di impianti tecnologici ecc. ; 

 

?



  serre per piante ornamentali e fiori, quando sono al servizio di attività floristiche o simili. 

 

 



Qualora vi siano muri in comune con fabbricati contigui il volume si misura partendo 

dalla linea mediana di tali muri. 

 

4.  Superficie utile abitabile (SU) 



 

 

E' la superficie di pavimento dei vani dell'alloggio (compresi i vani accessori quali 



corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili) misurata al netto di murature, pilastri, tramezzi, 

sguinci, vani di porte e finestre, di eventuali scale interne (non comuni), di logge e di balconi, 

vani tecnici (centraline, canne fumarie ecc.). 

 

 

S

UPERFICI NON RESIDENZIALI 

(

SNR

)

 DESTINATE A SERVIZI ED ACCESSORI

: sono le superfici, 

misurate al netto di murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre, destinate a: 

 

a)  cantinole, soffitte, locali motore ascensore, cabine idriche, lavatoi comuni, centrali 



termiche ed altri locali a stretto servizio delle residenze; 

 

b)  autorimesse singole o collettive; 



 

c)  androni d'ingresso e porticati liberi; 

 

d)  logge e balconi. 



 

 

Le superfici riguardanti edifici a destinazione diversa da quella residenziale si 



computano in maniera analoga a quanto sopra stabilito per la superficie utile abitabile, fermo 

restando quanto stabilito in materia di superfici imponibili previste da particolari e specifiche 

norme. 

 

 



 

ART. 5  -   DISTANZE 

 

 



1.  D

ISTANZE MINIME TRA EDIFICI

 

 

 



E' la distanza misurata in proiezione orizzontale tra fabbricati e corpi di fabbrica, ed è 

misurata da parametro esterno escludendo unicamente gli sbalzi aperti inferiori a m. 1,50. 

 

Nella zona omogenea "A 0", soggetta a piano Attuativo (P.R.P.C., la distanza da altri 



fabbricati (Df) non può essere inferiore a quella intercorrente tra volumi edificati preesistenti, 

computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore 

storico, artistico o ambientale. Nella zona omogenea "A0" e relative sottozone, nel caso di 

ampliamenti e/o sopraelevazioni, la distanza minima dal confine non può essere inferiore a 

quella prescritta per la relativa sottozona; la distanza tra pareti finestrate non può essere 

inferiore al doppio della distanza minima dal confine. 

In tutte le altre zone è prescritta la distanza minima tra pareti finestrate o parti di pareti 

finestrate pari all'altezza del fabbricato più alto con un minimo assoluto di ml. 10,00; questa 

norma si applica anche quando una sola parete sia finestrata. La suddetta prescrizione vale 

solo nel caso di prospicienza diretta. 

 


 



2.  D



ISTANZE MINIME DEGLI EDIFICI DAI CONFINI DI PROPRIETA

 

 



E' la distanza misurata, in proiezione orizzontale tra i fabbricati ed i confini di 

proprietà misurata dal perimetro esterno degli edifici, con la sola esclusione di sbalzi aperti 

inferiori a m. 1,50. 

 

 



3.  D

ISTANZE MINIME DEGLI EDIFICI DALLE STRA DE PUBBLICHE

 

 

 



E' la distanza misurata, in proiezione orizzontale, tra i fabbricati ed i confini degli 

spazi pubblici esistenti e previsti (strade, piazze, fossi e scarpate di fossi, zone verdi

marciapiedi, ecc.). 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  10 

T I T O L O   S E C O N D O   -   A T T U A Z I O N E    D E L    P . R . G . C. 

 

 



 

 

 



 C A P O  1 °  -  S T R U M E N T I   D I   A T T U A Z I O N E 

 

 



 

 

ART. 6  -  MODALITA'  DI  ATTUAZIONE  DEL  P.R.G.C. 

 

 

 



 

Il P.R.G.C. si attua attraverso: 

 

a)  Intervento indiretto mediante: 



 

?

  Piani regolatori particolareggiati comunali (P.R.P.C.), di iniziativa pubblica o privata, 



ai sensi della L.R. 52/91 e successive modifiche e integrazioni, estesi all'intero 

comparto indicato in cartografia. In assenza di tale definizione il comparto si intende 

delimitato dal cambio di destinazione di zona e dalla viabilità di progetto e/o 

esistente. 

 

Essi possono essere assunti per finalità particolari, regolate, in base all'art. 50 della 



L.R. 52/91 dalla: 

?

 



L.R. 18/86 (Piani di recupero); 

?

 



L.   167/62 (Piani per l'edilizia economica e popolare); 

?

 



L.   865/71 (Piani per insediamenti produttivi). 

 

b)  Intervento diretto mediante: 



 

1)  Concessione edilizia per gli interventi aventi rilevanza urbanistica così come definiti 

dalla L.R. 52/91; 

2)  autorizzazione edilizia per gli interventi di rilevanza edilizia così come definiti dalla 

L.R. 52/91; 

3)  denuncia per le opere di cui al comma 2 dell'art. 68 della L.R. 52/91. 

 

 

 



 

 

 



 

 



Download 0.7 Mb.

Do'stlaringiz bilan baham:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9




Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2020
ma'muriyatiga murojaat qiling