La didattica dell’italiano dal sapere al saper fare


Download 17.55 Kb.
Sana01.03.2020
Hajmi17.55 Kb.
  • La didattica dell’italiano
  • dal sapere al saper fare
  • Costruire e valutare unità di apprendimento delle competenze
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Le competenze nella didattica
  • Le competenze sono
  • acquisizioni stabili dell’individuo,
  • non confinate alla vita scolastica
  • La didattica per competenze
  • ha come fine ultimo l’inserimento nella società e nel mondo del lavoro;
  • si propone di sviluppare strumenti.
  • (Beccaria)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • La certificazione delle competenze è uno strumento utile per sostenere e orientare gli studenti nel loro percorso di apprendimento sino al conseguimento di un titolo di studio o, almeno, di una qualifica professionale di durata triennale entro il diciottesimo anno di età.
  • (Indicazioni per la certificazione delle competenze relative all’assolvimento dell’obbligo di istruzione nella scuola secondaria superiore, 2010)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • sollecita l’interesse degli alunni: si presenta come «sfida»;
  • riguarda contesti reali e significativi: evita le «conoscenze inerti»;
  • ha caratteristiche di complessità: stimola l’impiego di processi cognitivi complessi;
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • 4. ha caratteristiche di novità: propone compiti inediti;
  • 5. richiede il recupero di conoscenze precedenti;
  • 6. prevede differenti percorsi di soluzione.
  • La didattica per competenze
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Rilevazione delle conoscenze
  • 1. richiede la mera ripetizione di quanto spiegato;
  • 2. richiede la semplice applicazione di regole e formule;
  • 3. non coglie l’«apprendimento oltre»;
  • 4. si propone di misurare e quantificare.
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Valutazione delle competenze
  • 1. Non valuta il prodotto, ma il processo;
  • 2. È occasione per assistere l’apprendimento
  • (ad-sistere; sedersi vicino);
  • 3. Riconosce il livello raggiunto (diagnosi)
  • e stimola il progresso (terapia).
  • La valutazione delle competenze coesiste
  • con la rilevazione delle conoscenze
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Valutazione delle competenze
  • 1. compito di realtà
  • “La valutazione autentica si ha quando ancoriamo il controllo al tipo di lavoro che persone concrete fanno” (Perrenoud)
  • 2. osservazione sistematica
  • relazione
  • partecipazione
  • responsabilità
  • autonomia e flessibilità
  • 3. autobiografia cognitiva
  • “Il pensiero narrativo è quello che dà coesione agli eventi sparsi della vita” (Bruner)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Ha una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.
  • (Certificazione competenze al termine del primo ciclo)
  • Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti;
  • leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo;
  • produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi.
  • (Certificazione competenze scuola superiore)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • costruire attività di potenziamento del lessico;
  • privilegiare la grammatica d’uso
  • rispetto a quella di riconoscimento;
  • incentivare occasioni di discussione
  • e argomentazione;
  • 4. esercitare le competenze di lettura
  • anche attraverso compiti autentici.
  • Quali strumenti per sviluppare competenze?
  • Qualche proposta
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Competenze alfabetiche e matematiche Italia/OCSE
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Età
  • Livello 1
  • Livello 2
  • Livello 3
  • Livello 4/5
  • Totale
  • 16-25
  • 15,4%
  • 32,4%
  • 37,6%
  • 14,6%
  • 100%
  • 26-35
  • 21,9%
  • 34,4%
  • 32,3%
  • 11,4%
  • 100%
  • 36-45
  • 32,2%
  • 32,2%
  • 28,2%
  • 6,7%
  • 100%
  • 46-55
  • 46,9%
  • 28,9%
  • 20,3%
  • 3,9%
  • 100%
  • 56-65
  • 63,5%
  • 24,1%
  • 10,5%
  • 1,9%
  • 100%
  • Competenze di lettura di testi in prosa
  • Il livello tre è considerato il minimo indispensabile
  • per "vivere e lavorare nel XXI secolo“.
  • “Gli appartenenti ai livelli 1 e 2 dovranno prioritariamente fruire di interventi istruttivi/formativi che li rendano capaci di adeguarsi alle necessità di una piena cittadinanza nel XXI secolo”.
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Vocabolario di base della lingua italiana.
  • Si deve a Tullio De Mauro.
  • Comprende circa 7.000 parole, quelle che hanno la maggiore frequenza statistica nella nostra lingua.
  • Sono quelle che più usiamo, che più ci sono familiari.
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • 1.Vocabolario fondamentale composto da 1.991 parole. Sono le più usate in assoluto nella nostra lingua.
  • (esempi: amore, lavoro, pane).
  • 2.Vocabolario di alto uso
  • composto da 2.750 parole. Sono molto usate, ma meno di quelle del Vocabolario fondamentale. (esempi: palo, seta, toro).
  • 3.Vocabolario di alta disponibilità composto da 2.337 parole. Sono poco usate nella lingua scritta, ma molto in quella parlata. (esempi: mensa, lacca, tuta).
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico fondamentale +
  • Lessico di alto uso +
  • Lessico di alta disponibilità
  • =
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico fondamentale
  • 2049 unità di massima frequenza
  • 90 % del discorso
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico di alto uso
  • 2576 unità lessicali
  • 6% del discorso
  • Lessico fondamentale
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico fondamentale
  • Lessico di alto uso
  • Alta disponibilità
  • 1897 unità
  • 1-2% del discorso
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico fondamentale
  • Lessico di alto uso
  • Lessico di alta disponibilità
  • Lessico comune
  • 47.060 unità
  • uso sporadico
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Lessico fondamentale
  • Lessico di alto uso
  • Lessico di alta disponibilità
  • Lessici tecnici
  • oltre 2.000.000 di unità lessicali
  • Lessico comune
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • L’esempio della Finlandia
  • no materie tradizionali
  • studio per «casi»
  • studio in gruppi di pari
  • Es. «Unione europea» comprende economia, politica,
  • lingue, storia, geografia
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • L’esempio della Francia
  • (alcuni titoli dalla prima prova BAC)
  • Tutte le fedi sono contrarie alla ragione?
  • Lo storico deve giudicare?
  • È possibile una conoscenza scientifica di ciò che esiste?
  • La tecnica si oppone alla natura?
  • Le opere d’arte sono oggetti come gli altri?
  • È possibile sconfiggere i pregiudizi?
  • Incentivare occasioni
  • di discussione e argomentazione
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • È meglio vincere o perdere una gara sportiva?
  • È meglio restare imbottigliati nel traffico?
  • È meglio perdere un anno a scuola?
  • ………
  • Incentivare occasioni
  • di discussione e argomentazione
  • L’esempio degli antichi
  • (o Il gioco delle argomentazioni)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Leggere e comprendere un articolo di fondo
  • Riconoscere la tesi e l’antitesi
  • Riconoscere le argomentazioni
  • Riconoscere gli strumenti dell’argomentazione
  • Esercitare le competenze di lettura
  • anche attraverso compiti autentici
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Scrivere un articolo di cronaca
    • Formulare un incipit
    • Formulare una conclusione (a effetto?)
  • Scrivere un’inchiesta
  • Scrivere un reportage
  • Esercitare le competenze di lettura
  • anche attraverso compiti autentici
  • Il quotidiano: dalla lettura alla scrittura
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • 6. Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni ed impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo.
  • (Certificazione competenze al termine del primo ciclo)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Insegnare a imparare
  • Sviluppare strategie per il potenziamento lessicale:
  • uso del vocabolario e ricerca degli etimi;
  • Insegnare a studiare:
    • lettura orientativa e lettura analitica;
  • Quali strumenti per sviluppare competenze?
  • Qualche proposta
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Nella scuola primaria la riflessione privilegia il livello lessicale-semantico e si attua a partire dai testi orali e scritti recepiti e prodotti dagli allievi […]
  • La riflessione sulla lingua riguarda anche il lessico, di cui verranno esplorate e definite le caratteristiche fondamentali, come le relazioni di significato e i meccanismi di formazione delle parole.
  • Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia
  • e del primo ciclo d’istruzione, 2012.
  • 9. Dimostra originalità e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede. È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti.
  • 10. Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti. Orienta le proprie scelte in modo consapevole. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.
  • (Certificazione competenze al termine del primo ciclo)
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • Compiti autentici
  • e apprendimento cooperativo
  • il volantino;
  • il testo regolativo;
  • l’email (e le regole della «netiquette»);
  • il programma di viaggio e la guida turistica;
  • ………
  • Quali strumenti per sviluppare competenze?
  • Qualche proposta
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015
  • costruire attività di potenziamento del lessico;
  • privilegiare la grammatica d’uso;
  • 3. incentivare occasioni di discussione e argomentazione;
  • esercitare competenze di lettura;
  • insegnare a imparare;
  • proporre compiti autentici;
  • ………
  • Riepilogo delle proposte operative
  • Marco Giarratana, IIS C. E. Gadda, 9 aprile 2015


Download 17.55 Kb.

Do'stlaringiz bilan baham:




Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2020
ma'muriyatiga murojaat qiling