La II guerra mondiale e l’Italia Lo scoppio della guerra e l’Italia


Download 3.25 Mb.
Sana25.12.2019
Hajmi3.25 Mb.

La II guerra mondiale e l’Italia

Lo scoppio della guerra e l’Italia

1940 Italia

  • 10 giugno Italia entra in guerra contro la Francia
  • “…qualche migliaio di morti da buttare sul tavolo delle trattative”
  • Offensiva sulle Alpi
  • Ma insufficienza mezzi corazzati
  • Germania offre aiuto, Mussolini rifiuta
  • Agosto attacca inglesi in Egitto e in Somalia

1940 Italia

  • Settembre Giappone Patto Tripartito, cui aderirono poi anche Ungheria, Slovacchia, Romania
  • Ottobre dall’Albania attacca la Grecia ma a fine novembre ripiega; sfiducia nel paese (ci soccorre Hitler nel 41)
  • Attacco aereo inglese a Taranto, duplice offensiva vittoriosa in Cirenaica e in Somalia, Eritrea, Etiopia
  • Italia accetta aiuto tedesco e arriva Rommel con l’Afrika Korps

AFRICA KORPS

1943 LA SVOLTA

  • Gennaio, Conferenza di Casablanca: alleati decidono lo sbarco in Italia; fino alla resa incondizionata della Germania
  • Pesanti bombardamenti su Germania e alleati
  • Febbraio chiude fronte russo
  • Maggio chiude fronte africano
  • Giugno inizia campagna di Italia

1943 campagna di Italia

  • Regime fascista in crisi
  • 10 luglio sbarco degli angloamericani in Sicilia
  • Incontro di Feltre: Mussolini non ottiene da Hitler permesso di pace separata
  • Caduta di Palermo, bombardamenti su Napoli, incursioni aeree su Roma
  • 24-25 luglio Mussolini viene messo in minoranza dal Gran Consiglio del Fascismo, poi arrestato
  • Governo affidato al gen.Badoglio che firma armistizio a Cassibile (3 settembre, reso noto l’8)
  • Si riorganizzano i partiti antifascisti

1943 campagna di Italia

  • Governo e Re fuggono a Brindisi; Mussolini prigioniero sul Gran Sasso
  • Settembre Badoglio dichiara guerra alla Germania
  • Azione partigiana e rappresaglie tedesche; CLN (comitati di liberazione nazionale, governi partigiani)
  • 12 settembre Mussolini, liberato, fugge a Salò dove fonda la Repubblica Sociale
  • Cosa sono i CLN?
  • I CLN sono anch’essi “governi di fatto”: si auto-
  • attribuiscono potestà governativa originaria a
  • carattere provvisorio, in concorso con altre autorità,
  • esercitando in concreto questa potestà, all’interno di
  • una guerra o di una rivoluzione, il tutto allo scopo di
  • organizzare definitivamente il potere.

Le linee del fronte in Italia la Gustav - la Gotica

Vittorio Emanuele III abdica

  • Il Re il 12 aprile 1944 lesse un proclama alla radio ( “proclama di Ravello”): si ritira dalla vita pubblica e nomina suo figlio Umberto “Luogotenente del Regno”, nomina che diventerà effettiva dopo la liberazione di Roma ( 4 giugno) .

UMBERTO II LUOGOTENENTE DEL REGNO

  • Come era negli accordi, il 5 giugno il Re nominò il figlio “Luogotenente Generale del Regno”, con il compito di provvedere a tutti gli affari amministrativi e per l’esercizio delle prerogative regie.
  • Perché è importante il primo governo Bonomi?
  • Perché è il primo formato da esponenti antifascisti e perché non si forma “nelle stanze” del Re, ma per il contributo dei partiti democratici riunitesi nei CLN.

Nel bolognese e in Romagna la fortificazione era difesa da due armate: la Xª, schierata dall'Adriatico fino a Bologna, che si componeva di un corpo corazzato e di un corpo paracadutisti; la XIVª, che era schierata dal torrente Idice al mar Tirreno, con un corpo corazzato e un corpo da montagna (con una divisione italiana). Gli alleati si disposero come segue: - sul fronte adriatico l'VIII Armata britannica, che raggruppava forze provenienti da tutto il Commonwealth  - sul fronte tirrenico la V Armata USA.

Il 25 agosto scattò l'«Operazione Olive». Il piano prevedeva l'attacco congiunto dei due eserciti. Ma riuscì solo in parte: i britannici sfondarono la linea e avanzarono sul terreno liberando Rimini (21 settembre), Santarcangelo (il 25) e Savignano sul Rubicone (il 27). Invece sul crinale appenninico il tentativo di sfondamento non riuscì. Gli americani occuparono in settembre Marradi e Palazzuolo sul Senio; presero Castel del Rio (26 settembre); quindi conquistarono, in un'azione congiunta con i partigiani, Monte Battaglia (28 settembre). Poi il fronte si arrestò per due mesi: Fontanelice (Valle del Santerno) e Casola Valsenio furono prese alla fine di novembre. A dicembre le operazioni militari si arrestarono

  • Il 25 agosto scattò l'«Operazione Olive». Il piano prevedeva l'attacco congiunto dei due eserciti. Ma riuscì solo in parte: i britannici sfondarono la linea e avanzarono sul terreno liberando Rimini (21 settembre), Santarcangelo (il 25) e Savignano sul Rubicone (il 27). Invece sul crinale appenninico il tentativo di sfondamento non riuscì. Gli americani occuparono in settembre Marradi e Palazzuolo sul Senio; presero Castel del Rio (26 settembre); quindi conquistarono, in un'azione congiunta con i partigiani, Monte Battaglia (28 settembre). Poi il fronte si arrestò per due mesi: Fontanelice (Valle del Santerno) e Casola Valsenio furono prese alla fine di novembre. A dicembre le operazioni militari si arrestarono

Sul versante adriatico, nello stesso periodo, l'esercito del Commonwealth era riuscito ad avanzare progressivamente: Ottobre 1944. Superato il Rubicone, vengono liberate Cesena (19 ott.), Cesenatico (20 ott.) e Cervia (23 ottobre). 9 novembre 1944. Dopo aver attraversato il Savio e il Ronco, gli alleati entrano a Forlì. 2-4 dicembre 1944. Dopo aver passato il Montone e i Fiumi Uniti gli alleati liberano Ravenna. Il 16 dicembre liberazione di Faenza, dopo il passaggio del Lamone. Faenza viene liberata da truppe neozelandesi.

  • nella valle del Santerno
  • nella valle del Senio
  • Borgo Tossignano
  • Borgo Rivola
  • seconda barriera difensiva fu posta lungo il corso del Senio (da Borgo Rivola ad Alfonsine) e sulla sponda sinistra del Reno.
  • Il 30 dicembre il comando alleato
  • ordinò la sospensione delle iniziative
  • offensive e ingiunse alle armate di
  • attestarsi nei punti raggiunti.
  • I tedeschi si riorganizzarono e
  • costruirono una nuova linea difensiva:

Il fronte rimase immobile per tutta la stagione invernale, fino all'aprile 1945.

  • Il fronte rimase immobile per tutta la stagione invernale, fino all'aprile 1945.
  • Nelle ultime settimane di marzo, il fronte assunse importanza strategica decisiva nel quadro delle iniziative alleate, convincendo gli Inglesi che la sorpresa, la velocità d’azione e la percorribilità delle strade statali potevano condurli alla presa di Bologna ancor prima degli Americani che erano impegnati sugli Appennini.

Offensiva dell'aprile 1945

  • Offensiva dell'aprile 1945
  • Lungo il fronte sul fiume Senio era schierata:
  • La Battaglia del Senio e la liberazione di Lugo e dintorni……………….

1945 fine della guerra in Italia

  • Aprile: i tedeschi abbandonano la linea Gotica sugli Appennini
  • Principali città italiane liberate dai partigiani (24-25 aprile)
  • Mussolini riconosciuto al confine svizzero viene fucilato ed esposto a Milano in piazzale Loreto, insieme ad altri 18 gerarchi, dove l’anno prima erano stati fucilati 15 partigiani antifascisti


Download 3.25 Mb.

Do'stlaringiz bilan baham:




Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2020
ma'muriyatiga murojaat qiling