N o t I z I a r I o d I san vendemiano qui edizioni


Download 215.76 Kb.
bet3/3
Sana14.08.2018
Hajmi215.76 Kb.
1   2   3



Gruppi

di Cammino

I

nizialmente supportati da un tutor, ora i Gruppi svolgono in autonomia le attività pro-



prie del progetto: si ritrovano per passeggiare in gruppo lungo le vie del paese, traen-

done beneficio fisico ed occasioni per socializzare.



Continua l'attività del gruppo di volontari che, utilizzando il mezzo  comunale, si offrono per il trasporto dei cittadini in diffi-

coltà presso strutture ospedaliere o riabilitative, dando una risposta a tante necessità.

SOCIALE

HANDICAP

25

24



I

l periodo economicamente difficile sta interessando anche questa fascia di cittadini, più

esposta e vulnerabile, obbligando tutti a un ripensamento e ad una  riorganizzazione dei

servizi. In merito, si sono svolti molti incontri tra ULSS, Comuni ed Associazioni di cate-

goria per trovare soluzioni che siano le meno dolorose possibili; pensiamo che le risposte e

le attività svolte abbiano contribuito a  rassicurare le famiglie sulla continuità dei servizi

offerti. Nelle situazioni di particolare difficoltà (es. trasporto presso la Nostra Famiglia) si

sono attivate risorse di volontariato e di solidarietà ed il Comune si è fatto parte attiva

anche in questo.



Collaborazione

con l’Associazione

Anfas, il Ceod

e il Gruppo

Arcobaleno

L

e varie progettualità, sempre condivise con le famiglie dell’ANFASS, con il  CEOD ed il



gruppo di volontari ARCOBALENO, vedono impegnati i nostri ragazzi in numerosi labo-

ratori ricreativi svolti anche attraverso le risorse offerte dalla Scuola di Musica

"A.Coletti" e dagli uffici Comunali.

Fiore all'occhiello di questa sinergia tra associazioni ed Amministrazione è La Serata di

Sensibilizzazione ai problemi della disabilità, che si svolge ormai da qualche anno all’inter-

no della manifestazione "Estate Sport". È diventata un momento irrinunciabile e di grande

fruizione. Un invito: aggregatevi ai volontari per una sempre migliore organizzazione

della stessa!



La partita

della solidarietà

L’

iniziativa è giunta alla sua 7° edizione. L'organizzazione vede la collaborazione



delle associazioni: Velo Club San Vendemiano, ASD Sanvendemiano Cycling Team,

G.A.S e ASD Calcio San Ven-

demiano.

Il ricavato è devoluto a scopo benefico

con particolare attenzione ai bisogni

della disabilità. 

In questi 7 anni si sono date risposte a

varie esigenze provenienti dalle asso-

ciazioni, dalle famiglie e dai gruppi.

GIOVANI

M

olteplici sono le attività promosse che investono la realtà dei giovani del Comune,



dai progetti socio affettivi al percorso sul corretto utilizzo delle nuove tecnolo-

gie. Un'importante risorsa per l'organizzazione di queste progettualità è il Gruppo

di Coordinamento per le Politiche Giovanili che riunendosi periodicamente progetta e con-

divide le attività. Al tavolo partecipano i rappresentanti delle società sportive, delle parroc-

chie e della scuola. 

Proprio all'interno della Scuola Media si svolge una buona parte delle suddette iniziative, da

cui si evince la stretta e proficua collaborazione in essere tra l'Amministrazione Comunale,

l'Istituto Comprensivo di San Vendemiano, nella figura del suo Dirigente, del personale di

Segreteria e di tutto il Collegio Docenti. A loro sono rivolti i ringraziamenti dell’Ammini-

strazione Comunale per la squisita disponibilità sempre riscontrata.





Centri estivi

La loro organizzazione si svolge in collaborazione con la cooperativa C.S.A. I ragazzi non

sono solo destinatari delle attività ricreative, ma sono anche coinvolti nell’animazione.



Il progetto

EDUCASPORT

Si tratta di un importante percorso formativo rivolto alle società sportive del territorio, ai

loro atleti e familiari.

Il nostro Comune ne è stato artefice e propositore per tutta l’area Coneglianese.





Gruppo A.M.I.

La continuità di questo progetto ha permesso un importante monitoraggio delle dinamiche

singole o di gruppo che possono essere segnali di disagio giovanile.



I progetti a sostegno della famiglia e della genitorialità

L'ultimo in ordine di tempo è EDUCA.CON che interessa tutta l’Area Coneglianese a cui

il nostro Comune aderisce.



I progetti del giornalino

ed il corso di fotografia

I progetti del giornalino ed il corso di foto-

grafia che si svolgono in collaborazione con

l’Operativa di Comunità.

Il suo significato formativo è davvero importante. 

I bambini, raccolti in gruppi, si recano a scuola a

piedi, accompagnati dai volontari, in modo sicuro

e anche divertente, imparando al contempo il

corretto comportamento da tenere in strada.

I ragazzini/e che hanno aderito sono 37, divisi tra

i vari plessi scolastici, con un gruppo di 22 volon-

tari che gli accompagnano e che assicurano l’as-

sistenza durante il  percorso.

L'Amministrazione Comunale sta poi conti-

nuando l’adeguamento dei percorsi pedonali

per garantire un sempre migliore svolgimento di

questa attività. 



PROGETTO

PIEDIBUS


AMBIENTE

26



Festa

degli alberi

G

razie alla collaborazione con il C.I.T. e le scuole si è svolta la tradizionale Festa degli



Alberi. Sono stati distribuiti ai ragazzi delle scuole primarie circa 550 piantine, e

relativi sacchi di compost, prodotti dal trattamento del rifiuto umido dalla ditta

Sesa di Padova.

Sempre grazie a loro sono state distribuite le “Stelle di Natale” durante le feste Natalizie.

Un piccolo gesto, in un piccolo fiore, di grande valore e significato per l’educazione dei

ragazzi e dei giovani.



Parco adiacente l'edificio comunale

Parco via D. Manin



Parchi

Pubblici

D

iversi parchi pubblici e aree di ritrovo sono state migliorate o realizzate a nuovo nel



territorio comunale. Le aree verdi sono un punto di riferimento non solo per i più

piccoli e i loro genitori, ma per tutti i cittadini che possono ritrovarsi all’aperto e

trascorrere alcune ore in compagnia.

Gli interventi hanno interessato le nuove aree gioco presso l’area verde adiacente la sede

municipale in via Manin e via Pomponio Amalteo.

Inoltre interventi di pulizia, manutenzione e acquisto di nuovi giochi sono stati realizzati

presso le aree di: via Giovanni Paolo I a Zoppè, via Clapena, via De Gasperi vicino alla nuova

Casa dell’Acqua.





Energia Pulita

e riduzione

dei consumi

grazie al

fotovoltaico

A

nche l’ultimo impianto fotovoltaico realizzato in ordine di tempo (presso il magaz-



zino comunale) è entrato in funzione a pieno regime: il Comune produce oltre 232

kw grazie ai sei impianti installati negli edifici comunali.

Oltre ai benefici ambientali raggiunti attraverso una notevole riduzione di anidride carboni-

ca emessa in atmosfera, gli impianti in funzione permettono un notevole risparmio econo-

mico per il comune avuto già dal 2011.



Protezione

Civile

A

nche quest’anno la squadra A.N.A. comunale di Protezione Civile ha dimostrato con-



tinua collaborazione e disponibilità per il proprio territorio.

Un grazie a tutti i volontari.



Polizia Locale

I

l servizio di Polizia Locale è stato potenziato con l’ar-



rivo in servizio, dal primo gennaio 2013, di un nuovo

agente di polizia locale.

Ciò permetterà di potenziare il servizio di controllo, di

presidio e di ordine del territorio, anche con l’ausilio di

strumenti che sono in fase di acquisizione in questi mesi.  



Videosorveglianza

È

stato potenziato il servizio di videosor-



veglianza attivo nel territorio: in parti-

colare è stato installato un impianto sul

palo dell’illuminazione della rotatoria di viale

Europa, via Roma e via De Gasperi.

In questo sistema tutti gli assi viari della zona

sono videocontrollati insieme con gli altri

punti già attivi presso le principali strutture

pubbliche.





Giornata

dell’ambiente

S

abato 17 marzo 2012  e 9 marzo 2013 si è svolta la 17^ e la 18 ^ edizione della



“Giornata dell’Ambiente”, organizzata in accordo con l’Amministrazione Comunale di

San Fior ed in collaborazione con le rispettive sezioni A.N.A. dei due comuni.

Il programma della manifestazione, per quanto riguarda il territorio di San Vendemiano, ha

compreso la raccolta dei rifiuti abbandonati lungo i fossi e lungo i cigli delle strade comu-

nali, la realizzazione di una nuova staccionata in legno a ridosso dell’argine del torrente

Cervada in località Gai, più precisamente nei pressi del parco giochi comunale sito in Via

Montegrappa. All’evento hanno partecipato circa una quarantina di persone tra Alpini, ope-

rai del Comune e semplici volontari, che hanno accolto l’invito a partecipare a questo even-

to per dare il proprio contributo alla salvaguardia dell’ambiente, dimostrando la propria sen-

sibilità e l’interesse per il bene della propria comunità. Al termine della manifestazione, i

partecipanti di entrambi i comuni, si sono ritrovati come da tradizione a condividere assie-

me il pranzo preparato dal gruppo A.N.A. di San Vendemiano. 



Un grazie da parte dell’Amministrazione comunale a tutti i volontari.

AMBIENTE

29

28





Raccolta

rifiuti

porta a porta:

subito un paese

più ordinato

e pulito

I

l 2012 è stato un anno importante per la gestione dei rifiuti a San Vendemiano: dal 1



luglio è stato attivato in tutto il territorio il sistema di raccolta “porta a porta” anche

per carta-plastica-vetro.

Questo ha comportato l’eliminazione di tutte le campane stradali dal territorio, la pulizia

delle piazzole e un ordine generale immediatamente visibile.

Ringraziamo i cittadini che hanno dimostrato, anche in tale occasione, un elevato senso

civico e di responsabilità. 

Contenuti sono stati i temuti conferimenti anomali consequenziali al nuovo sistema, grazie

anche alla preziosa ed efficace azione di vigilanza prestata dal lavoratore socialmente utile

e dall’agente di polizia municipale in servizio ogni settimana.

E’stato inoltre attivato lo sportello ecologico per le pratiche amministrative e gestionali dei

contenitori presso il C.a.r.d. in via Padania.

Il Comune di San Vendemiano ha raggiunto il 78,4% di raccolta differenziata ricevendo

anche per il 2011 l’attestato di “Comune Riciclane”, la speciale classifica commisurata al

miglior indice di buona gestione dei rifiuti nei comuni del nord superiori a 10 mila abitanti.

Grazie a tutti i cittadini per l’impegno e al personale comunale che segue sistematicamen-

te il servizio.



L’ex piazzola di via Vittorio Veneto

ATTIVITÀ PRODUTTIVE



Regolamento

intercomunale

di pulizia

rurale

il lavoro

volge al termine

D

opo l’approvazione dello stralcio del



Regolamento relativo all’utilizzo dei pro-

dotti fitosanitari (deliberazione del

Consiglio Comunale n. 22 del 30.06.2011),con un

ulteriore anno di lavoro ed incontri, che ha visti

impegnati i vari comuni dell’area DOCG Conegliano

Valdobbiadene, è in dirittura d’arrivo la bozza fina-

le dell’intero Regolamento di Pulizia Rurale. In que-

st’area la coltivazione della vite rappresenta un

settore di primaria importanza nell’ambito delle

attività agricole, sia per numero di addetti che per

volume di affari, che per la qualità dei prodotti

ottenuti. Il testo si articola in tre macro aree:

I area: tutela strade, regimazione acque, sistema-

zioni agrarie, modalità di impianto;

II area: ambiti rurali edificati, salvaguardia del

bosco, boschetti e siepi, gestione potature e biomasse, relitti rurali, ambiti rurali particolari;

III area: animali. “Questo regolamento nasce dell’esigenza di un intervento normativo che

garantisca uno sviluppo sostenibile - precisa l’assessore De Conti -  ovvero un sistema che

accanto alla crescita enomica delle imprese agricole e della popolazione coniughi la tutela

e la protezione della salute umana e la difesa del territorio.”  

Partendo proprio da queste considerazioni e vista la candidatura dell’area della denomina-

zione a Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO, è nata l’idea di procedere ad una revi-

sione dei regolamenti di polizia rurale, in modo da uniformarli sensibilizzando l’intera area

alle problematiche di materia ambientale.





L’uso

energetico

dei sarmenti

della vite

al via lo studio

del sistema

di raccolta

delle potature

nell’area

Conegliano

Valdobbiadene

I

l lavoro e la ricerca nell’area del Conegliano



Valdobbiadene DOCG  continua anche sul fron-

te del risparmio energetico; la necessità di

ridurre i consumi e di migliorare l’efficienza ener-

getica sono oggetto della nostra attenzione con

questo nuovo progetto. “Tra le fonti di energia rin-

novabile – spiega l’assessore De Conti -  ci sono le

biomasse di provenienza agricola; queste offrono

innumerevoli possibilità e rappresentano una fonte potenziale che fino ad oggi è stata cer-

tamente poco valorizzata rispetto alle reali disponibilità”. Il sistema di raccolta delle pota-

ture ed il loro conferimento è in fase di studio: una commissione si sta occupando della rico-

gnizione delle centrali di trasformazione mentre di pari passo si stanno individuando le aree

di stoccaggio del materiale e le modalità di conferimento. Dal punto di vista tecnico, le solu-

zioni idonee per il recupero certamente non mancano e si potrebbero affidare a contoterzi-

sti le varie fasi di lavoro. Questa modalità di utilizzo degli scarti di potatura, assume ancor

più importanza se consideriamo come le usuali pratiche,  alternative del passato, di smalti-

mento dei sarmenti (trinciatura in campo e bruciatura) non siano più soluzioni perseguibili

per motivazioni fitosanitarie e di qualità ambientale.



9° censimento

generale 

dell’industria

e dei servizi

e censimento delle

istituzioni non profit

Rilevazione delle istituzioni pubbliche - Anno 2012

L

a rilevazione ISTAT di cui trattasi ha avuto inizio lo scorso anno, ma dopo le fasi col-



legate alla rilevazione - svoltasi prevalente in modalità telematica, si concluderanno

nel 2013. Il Comune ha curato i contatti con la CCIAA di Treviso e con le aziende, asso-

ciazioni ed istituzioni del territorio che abbiano richiesto l’intervento dell’Ufficio Comunale

di Censimento. Il Comune, direttamente interessato quale istituzione pubblica, ha regolar-

mente provveduto alla compilazione on-line del proprio questionario, dopo la raccolta dei

dati necessari presso i Servizi comunali interessati. Il fine della rilevazione si riconduce alla

conoscenza delle principali scelte gestionali e organizzative messe in campo ed attuate dalle

amministrazioni quali soluzioni alle incalzanti problematiche poste dall'attuale contesto

socio-economico.


30

30

S



ono stati curati gli aspetti concernenti la modifica del Piano del Commercio su aree

pubbliche, al fine di ottimizzare gli spazi disponibili e migliorare il servizio agli uten-

ti. Gli interventi hanno riguardato la sistemazione dei posteggi del mercato minore

settimanale del mercoledì per adattare l’area interessata alle nuove esigenze rilevate.

Il Consiglio Comunale, con deliberazione n. 28 del 27.09.2012 ha quindi approvato l’attua-

le definitivo assetto dei posteggi.





Adeguamento

del mercato

minore

A

nche durante lo scorso periodo di Natale, arrivati alla quinta edizione, la  manifesta-



zione “Magie d’Inverno” ha visto la partecipazione di numerosi artigiani, associazioni

e hobbisti che con le loro creazioni hanno dato vita al Mercatino di Natale nelle caset-

te opportunamente addobbate presenti a contorno della pista.Tra i partecipanti anche le scuo-

le materne di San Vendemiano e Zoppè, gli asili nido privati e la casa di riposo Papa Luciani,

che hanno voluto partecipare le loro realizzazioni a questo incontro con la popolazione. 



Mercatini

di Natale

2012

viaggiante all’interno del P.le manifestazioni

D

opo la sperimentazione effettuata in occasione dell’edizione del 2011 dei “festeggia-



menti della Madonna del Rosario” relativamente alla distribuzione degli spazi all’in-

terno del piazzale manifestazioni di via degli Alpini, prendendo atto delle necessità

emerse, la Giunta Comunale ha approvato una nuova planimetria con l’intento di ottimizzare

e coniugare tra loro le esigenze legate alle attrazioni e quelle in materia di sicurezza. 





Ridistribuzione

attrazioni dello

spettacolo

(Sportello Unico per le Attività Produttive)

I

n collaborazione con il Centro Studi della Marca Trevigiana il Consiglio Comunale ha



approvato il “Regolamento di organizzazione e funzionamento del SUAP”, unitamente

allo schema di "protocollo d'intesa" tra gli enti interessati.

È stata avviata la procedura informatizzata  denominata “AP-WEB” con l’obiettivo di arri-

vare all’utilizzo del solo sistema telematico e il conseguente abbandono di quello cartaceo.

Nei mesi scorsi il SUAP ha operato ancora in delega alla CCIAA di Treviso, sensibilizzando

nel frattempo l’utenza all’utilizzo del sistema informatizzato curato da Infocamere ed acces-

sibile attraverso il portale “www.impresainungiorno.gov.it” .



Prosecuzione

delle attività

di avvio a regime

del SUAP

in modalità

telematica

C

on vari provvedimenti normativi - decreti legge, il Governo ha introdotto importan-



ti e rivoluzionarie modifiche alla regolamentazione esistente in materie di esercizio

delle attività economiche (eliminazione di contingentamenti e limiti di distanza,

liberalizzazione degli orari, ecc.). Al fine di recepire quindi formalmente i mutamenti succi-

tati, il Consiglio Comunale ha fornito le direttive per la gestione operativa delle richieste che

pervengono dagli operatori economici.



Adeguamento alle nuove liberalizzazioni

in materia di pubblici esercizi ed attività commerciali

OLTRE LA CRISI E LA GUERRA DEI PREZZI

Le guerre hanno sempre portato lutti e miseria, e non mi riferisco solo a quelle militari. Ora stiamo vivendo la guerra ai prezzi al ribas-

so per poter acquisire beni e clientela che giustamente è attratta dove spende meno. Io auspico che progressivamente vinca la lotta

per l'intelligenza ed il buonsenso che se vengono meno da parte delle istituzioni politiche ormai da molti anni, prevalgano almeno nei

singoli individui per operare delle scelte che migliorino loro stessi sul piano fisico-mentale e spirituale.

La scelta top sul risparmio è indubbiamente quella rivolta alla salute che è diventata una conquista, difficile da mantenere se non con

informazioni ed azioni sempre più puntuali.

E sul tema della salute è imperativo non essere prevenuti ma fare prevenzione primaria attraverso una alimentazione sana, equilibra-

ta che tenga conto non solo della genuinità dei prodotti che mettiamo in tavola ma anche della provenienza (Km zero), della stagio-

nalità, del clima, del tipo di lavoro che si svolge, della costituzione, oltre che del sesso e razza.

Tutto questo veniva già codificato e spiegato più di un secolo fa dal fondatore della Macrobiotica George Oshawa, che pur con dei

limiti dettava delle regole intelligenti rispetto all'educazione all'ambiente, all'agricoltura e alla alimentazione umana.

Ora anche la cosiddetta scienza accademica, in gran parte ha abbracciato questa filosofia seppure solo da un punto meramente scien-

tifico e che vede valorizzata la piramide alimentare dove la base è costituita da cereali e verdure, naturalmente non inquinate da varie

sostanze chimiche estranee o addiruttura transgeniche.

Questa alimentazione è la vera medicina di tutte le patologie, dove il loro instaurarsi, mantenersi ed aggravarsi è dato da un continuo

stato di acidità metabolica e tessutale, che condiziona tutti i nostri processi vitali, e che viene favorito dalla moderna medicina sinto-

matica soprattutto con antinfiammatori e cortisonici.

Questo PH acido viene alimentato da tutti i cibi strutturati dall'industria alimentare e ricchi di conservanti, come cereali raffinati: pane,

pasta, riso, dolci; da zuccheri semplici, zucchero bianco in primis, carni, latte pastorizzato e latticini.

Basti pensare ai processi di glicosilazione indotti dallo zucchero in eccesso (come nei diabetici) che si lega a proteine importanti come

ad es. l'emoglobina determinandone una alterata funzione che si riflette negativamente sulla respirazione cellulare. 

Anche la salute della bocca risente di tutto ciò con la formazione di carie per la diminuita capacità tampone e antibatterica salivare

e per la insufficiente azione immunitaria svolta da un intestino non equilibrato, soprattutto nei piccoli pazienti cioè i bambini che sono

individui in formazione e quindi più fragili e vulnerabili da un punto di vista fisico ed emozionale. E se tante forti emozioni, anche

queste causa e concausa di carie secondo la medicina delle 5 Leggi biologiche del Dott. G. Hamer, non possono essere evitate, raffor-

ziamo, invece di indebolire, almeno con scelte alimentari intelligenti ed ecosostenibili i nostri figli in crescita, facendo molta atten-

zione alla scienza della nutrizione che non deve essere una specialità e peculiarità accademica, ma una conoscenza alla portata di tutte

le persone di buona volontà.

Il crescente problema economico attuale poi, si accompagna parallelamente a crisi di valori sociali ed individuali. Sono venuti meno

soprattutto fiducia ed affidabilità. Da questa riflessione, per me è imperativo per prima cosa nella mia professione di medico ed odon-

toiatra, un contratto etico tra medico e paziente prima di un contratto economico. La conoscenza deve essere obbligatoriamente a dop-

pia freccia tra medico e paziente con l'enpatia nel mezzo.

Anche il medico poi ha diritto-dovere di chiedere una consapevole, costante collaborazione al paziente per una finalità positiva comune.



Dott. Giorgio Rosanda

- informazione pubblicitaria -




Download 215.76 Kb.

Do'stlaringiz bilan baham:
1   2   3




Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2020
ma'muriyatiga murojaat qiling