Regolamento edilizio


Download 337.26 Kb.

bet1/4
Sana27.06.2017
Hajmi337.26 Kb.
  1   2   3   4

COMUNE di CISTERNA di LATINA 

Medaglia d'argento al Valor Civile 

REGOLAMENTO EDILIZIO 

Adottato dal C.C. con deliberazione n. 8 del 04/02/1981 vistata dal CO.RE.CO. verbale n. 99 dei 

30/04/1981, modificato con delibera Consiliare n. 18 dell'01/03/1984 vistata dal CO.RE.CO. 

verbale n. 74 del 12/04/1984 ed approvato con delibera di G.R. n. 6023 dell'08/10/1987. 

 

 

 



 

 

 



 

 

 



Pubblicato all'Albo Pretorio del Comune l'11/03/1981 a seguito adozione e ripubblicato a seguito 

approvazione della G.R.L. dal 21/03/1988 al 05/04/1988. 



INDICE SOMMARIO 

Abbreviazioni usate nel testo 

TITOLO PRIMO  

DISPOSIZIONI GENERALI 

Capitolo Primo  

NATURA E SCOPI DEL REGOLAMENTO 

Art. 1 - Contenuto, limite e validità del Regolamento  ....................………………….........    Pag.  8 

Art. 2 - Responsabilità dei committenti, dei progettisti, dei direttori e degli assuntori dei lavori e    

loro legittimazione professionale  …....…………….................……………….…..     Pag.  8  

Capitolo Secondo 

CONCESSIONI URBANISTICHE ED EDILIZIE 

Art.  3 - Opere soggette a concessione espressa  ….........................………………….......…   Pag.  8  

Art.  4 - Opere soggette ad autorizzazione  ......................................……………………….    Pag.  9  

Art.  5 - Opere non soggette a concessione ................................…………………...…...…..   Pag. 10  

Art.  6 - Opere eseguite dal Comune o dallo Stato   …...........................…………………...    Pag. 10  

Art.  7 - Domande di concessione e di giudizio preliminare .......………………….......…....   Pag. 10  

Art.  8 - Norme per la presentazione dei progetti    ..........………………….................…....    Pag. 11  

Art.  9 - La concessione edificatoria   .........................................…………………………...    Pag. 13 

Art. 10 - Validità ed efficacia della concessione edificatoria   .........……………………..…   Pag. 14 



Art. 11 - Lottizzazioni   ...........................………...............…………………...…………….   Pag. 14  

Art. 12 - Evidenza dell'atto di concessione e del progetto   ........……………………...........   Pag. 16  

Art. 13 - Vigilanza sulle costruzioni  ........................................…………………………….    Pag. 16  

Capitolo Terzo 

COMMISSIONE COMUNALE EDILIZIA (C.C.E.)  

Art. 14 - Attribuzioni della C. C. E. ..........................................……………………………..  Pag. 16  

Art. 15 - Composizione e funzionamento della C.C.E.  ...................…………………...........  Pag. 17  

 

Capitolo Quarto 



ESECUZIONE DELLE OPERE 

Art. 16 - Criteri per la determinazione degli indici e dei parametri  ....………………….......  Pag. 18  

Art. 17 - Punti di perimetro e di livello    .......................................…………………………   Pag. 19  

Art. 18 - Inizio e termine dei lavori    ......................…...…………………………………….  Pag. 20  

Art. 19 - Occupazioni e manomissioni di suolo e sottosuolo pubblico .…………………......  Pag. 20  

 

Capitolo Quinto 



USO DEI FABBRICATI E DEI MANUFATTI 

Art. 20 - Collaudo, licenza d'uso, abitabilità ed agibilità     .....................……………….....    Pag. 21  

Art. 21 - Agibilità di edifici speciali e di uso collettivo   ........................………………….     Pag. 21  

 

TITOLO SECONDO 



NORME RELATIVE ALLA EDIFICAZIONE 

 

Capitolo Primo 



CARATTERISTICHE EDILIZIE 

Art. 22 - Decoro degli edifici    .....................……………………………............................    Pag. 21  

Art. 23 - Decoro degli spazi     ........................................……………………………...........   Pag. 22  



Art. 24 - Cave    ........................................................……………………………………....     Pag. 22  

Art. 25 - Elementi che sporgono dalle facciate ed aggettano sul suolo pubblico  ………......   Pag. 23  

Art. 26 - Comignoli, mensole e sovrastrutture varie     ...………................…………….......   Pag. 23  

Art. 27 - Recinzione delle aree private    .......................................…………………………    Pag. 23  

Art. 28 - Marciapiedi     ......................................................………………………………..     Pag. 24  

Art. 29 - Portici   ..........................................................…………………………………….     Pag. 25  

 

Capitolo Secondo 



PRESCRIZIONI DI CARATTERE SPECIALE 

Art. 30 - Interventi in zone di interesse ambientale o monumentale  ...............……………...  Pag. 25  

Art. 31 - Rinvenimenti di carattere archeologico o storico-artistico  ..............……………...   Pag. 25  

Art. 32 - Indicatori stradali ed apparecchi per i servizi collettivi    ................…………….....  Pag. 25  

Art. 33 - Numeri civici    .....................................................………………………………..    Pag. 25 

 

TITOLO TERZO 



NORME IGIENICO-SANITARIE 

Capitolo Primo 

PRESCRIZIONI-IGIENICO-COSTRUTTIVE 

 

Art. 34 - Igiene del suolo e del sottosuolo     .....................................………………………    Pag. 26  



Art. 35 - Tipo, materiali e dimensioni delle fondazioni   .........................………………….    Pag. 26  

Art. 36 - Protezione dall'umidità      ............................................……….………………….    Pag. 26  

Art. 37 - Isolarnento acustico     ....................................……………………………............    Pag. 26  

Art. 38 - Fumi, polveri ed esalazioni      .................................………………………..........     Pag. 27  

 

Capitolo Secondo 



FOGNATURE 

Art. 39 - Condotti e bacini a cielo aperto      ....................................…………………….     Pag. 27  

Art. 40 - Depurazione degli scarichi       ......................................…………………….....     Pag. 27  



Art. 41 - Allacciamenti     ..............................................……………………………....…     Pag. 27  

Art. 42 - Fognature delle lottizzazioni     ........................................……………………..      Pag. 28  

Art. 43 - Prescrizioni particolari     ............................................…………………………     Pag. 28  

Art. 44 - Immondizie      ......................................................……………………………..     Pag. 28  

Capitolo Terzo 

REQUISITI DEGLI AMBIENTI 

Art. 45 - Locali abitabili    ...................................................………………………………..    Pag. 28  

Art. 46 - Cucine     ...........................................................…………………………………..    Pag. 29  

Art. 47 - Locali per i servizi igienici   .........................................…………………………..    Pag. 29  

Art. 48 - Scale ed ascensori, ringhiere e parapetti       ..............................………………….    Pag. 29  

Art. 49 - Corridoi e disimpegni     ..............................................…………………………..     Pag. 30  

Art. 50 - Locali a piano terra, seminterrati e scantinati      ..........................………………..    Pag. 30  

Art. 51 - Mansarde e soppalchi  …..............................................……………………………   Pag. 30  

Capitolo Quarto 

COSTRUZIONI A SPECIALE DESTINAZIONE 

Art. 52 - Edifici e locali di uso collettivo    ......................................……………………….    Pag. 30  

Art. 53 - Impianti al servizio dell'agricoltura      ..................................…………………….    Pag. 31  

 

TITOLO QUINTO 



STABILITA’ E  SICUREZZA DELLE COSTRUZIONI 

Capitolo Primo 

NORME DI BUONA COSTRUZIONE 

Art. 54 - Stabilità delle costruzioni   .......................................…………………………...     Pag. 32  

Art. 55 - Manutenzione e restauri      ........................................………………………..…    Pag. 32  

Art. 56 - Provvedimenti per costruzioni pericolanti      ............................………………..    Pag. 32  



Capitolo Secondo 

PREVENZIONE DAI PERICOLI D'INCENDIO 

Art. 57 - Locali per la lavorazione e il deposito di materiali combustibili ed infiammabili ..  Pag. 32  

Art. 58 - Impiego di strutture lignee    ......................................…………………………....    Pag. 32  

Art. 59 - Nulla osta dei VV.FF.     ...........................................………………………….….   Pag. 33  

Art. 60 - Particolari prevenzioni cautelative    ...........................………………………........   Pag. 33  

Capitolo Terzo 

CAUTELE DA OSSERVARE NELL'ESECUZIONE DEI LAVORI 

 

Art. 61 - Opere provvisionali     .......................................……………………………...........   Pag. 33  



Art. 62 - Scavi e demolizioni  ...........................................………………………………......   Pag. 34  

TITOLO SESTO  

DISPOSIZIONI FINALI  

Art. 63 - Entrata in vigore del presente Regolamento    ...............………………….............    Pag. 35  

Art. 64 - Norme abrogate      .............................................……………………………........    Pag. 35  

Art. 65 - Decadenza della C. C. E.  ..........................................…………………………….    Pag. 35  

Art. 66 - Poteri in deroga    ………………………………………........................................    Pag. 35  

Art. 67 - Sanzioni   .........................................................……………………………………   Pag. 35 



ABBREVIAZIONI USATE NEL TESTO

 

c.                Comma  



C.C.E.        Commissione Comunale Edilizia  

Cod. Civ.   Codice Civile  

D.M.          Decreto Ministeriale  

L.U.           Legge Urbanistica 17 Agosto 1942, n. 1150  

mc.            metri cubi  

mq.            metri quadri  

mt.             metri  

N.T.A.       Norme tecniche di attuazione  

P.L.            Piano di Lottizzazione  

P.P.E.         Piano Particolareggiato Esecutivo  

P.R.G.        Piano Regolatore Generale  

R.C.E.        Regolamento Comunale Edilizio  

T.U.L.S.     Testo Unico delle Leggi Sanitarie 27 luglio 1934, n. 1265  

u.c.             Ultimo comma  

U.T.C.        Ufficio Tecnico Comunale  

VV.UU.     Vigili del Fuoco  

T.U.           Testo Unico 

 



TITOLO PRIMO 

DISPOSIZIONI GENERALI 

 

Capitolo Primo 



NATURA E SCOPI DEL REGOLAMENTO 

Articolo 1 



Contenuto, limite e validità del Regolamento 

Il presente Regolamento, del quale fanno parte integrante le previsioni e le prescrizioni del 

P.R.G., dei P.P.E. e le relative N.T.C., contiene le norme intese a disciplinare ogni attività edilizia 

ed urbanistica, comunque esercitata nell'ambito del territorio comunale.  

Stante la sua natura di fonte normativa secondaria, ai sensi dell'art. 1 delle Disposizioni sul- la 

legge in generale, il presente regolamento obbliga in quanto non contrasti con atti normativa primari 

(leggi sia statali che regionali e atti aventi forza di legge).  

Per quanto attiene ad eventuali contrasti tra le norme del presente regolamento e quelle del 

P.R.G. e del P.P.E., prevarranno le norme di P.R.0. su quelle del presente Regolamento e dei P.P.E., 

quelle del presente Regolamento prevarranno su quelle dei P.P.E. salvo che non sia diversamente ed 

espressamente disposto.  

Disponendo l'art. 871 del Cod. Civ. che «le regole da osservarsi nelle costruzioni sono stabilite 

dalla legge speciale e dai regolamenti edilizi comunali» per quanto non specificatamente indicato 

nel presente regolamento edilizio si intendono applicabili le vigenti disposizioni di legge in materia 

di edilizia, urbanistica, igiene, salvaguardia del suolo e dei sottosuolo.  

Articolo 2 



Responsabilità dei committenti, dei progettasti, dei direttori e degli assuntori dei lavori e loro 

legittimazione professionale. 

La responsabilità civile, disciplinare e penale prevista dalla legge a carico, rispettivamente, dei 

committenti - interessati ai lavori o titolari della concessione - dei progettisti, dei direttori dei lavori 

e degli assuntori degli stessi, si estende anche all'osservanza delle disposizioni contenute nel 

presente Regolamento.  

I progettisti e i direttori dei lavori devono essere, nell'ambito delle rispettive competenze, 

ingegneri, architetti, geometri, periti edili, periti agrari o dottori in agraria, iscritti ai rispettivi albi 

professionali.  

Capitolo Secondo 

CONCESSIONI URBANISTICHE ED EDILIZIE 

Articolo 3 

Opere soggette a concessione espressa 

Per eseguire qualsiasi intervento edificatorio e specificatamente per le opere di cui al successivo 

comma, nell'ambito del territorio comunale, deve essere fatta preventiva richiesta al Sindaco di 

apposita concessione.  



E’, in particolare, prescritta la concessione per:  

a) nuove costruzioni, ampliamenti, sopraelevazioni di edifici, quali che siano le modalità 

costruttive (anche se prefabbricate e/o a carattere provvisorio, salvo quanto disposto all'art. 5, lettera 

b), e i materiali usati;  

b) modificazioni e restauri di edifici, che comportino variazione della struttura o dell'aspetto o 

della distribuzione interna degli stessi;  

c) variazione della destinazione d'uso delle costruzioni;  

d) nuove costruzioni, ampliamenti, sopraelevazioni e modificazioni di muri di cinta, di 

cancellate e di altre recinzioni,  

e) demolizioni parziali e totali di edifici;  

f) demolizioni di muri di cinta, di cancellate e di altre recinzioni;  

g) collocamento, modificazioni e rimozioni di fontane, monumenti, chioschi, edicole, 

distributori di carburante, ecc.;  

h) costruzioni, modificazioni e demolizioni di edicole funerarie, di tombe e di altre decorazioni 

cimiteriali;  

i) opere di urbanizzazione;  

1) scavi o movimenti di terra non specificatamente destinati a scopi agricoli o di sistemazione 

agraria ovvero destinati a tali scopi, ma di entità tale da comportare alterazione dello stato dei 

luoghi - quali, colmate, terrazzamenti, fossati, sbancamenti, ecc. o dell'equilibrio idrologico della 

zona; costruzione di impianti sportivi all'aperto;  

m) sistemazione di aree aperte al pubblico;  

n) costruzione di ponti ed accessi pedonali e carrabili;  

o) apertura di strade e costruzioni di manufatti stradali; p) costruzione di locali nel sottosuolo;  

q) collocamento, modificazione o rimozione di apparecchiatura esterne (torri, serbatoi, ecc.);  

r) mostre campionarie o depositi permanenti all'aperto di materiali alla rinfusa o accatastati 

(legnami, laterizi, ecc.), di automezzi anche da demolizioni, ecc.,  

s) collocamento, modificazione o rimozione di impianti tecnici a carattere pubblico, quali linee 

elettriche, antenne, opere di irrigazione, ecc.;  

t) collocamento, modificazioni o rimozione di stemmi, insegne, targhe, decorazioni, addobbi 

esterni, cartelli e materiali pubblicitari, vetrinette, distributori automatici, tende esterne, lapidi ecc.  

La concessione edificatoria deve essere altresì richiesta per qualsiasi modificazione o variante, 

di qualunque natura o portata, anche riguardanti la destinazione d'uso, che si intende apportare ad 

opere che abbiano formato oggetto di precedente licenza o concessione.  

Il possesso di una autorizzazione a lottizzare non esonera dall'obbligo a richiedere ed ottenere la 

concessione per le opere edilizie e di urbanizzazione attuative della stessa.  

Articolo 4 



Opere soggette ad autorizzazione 

Deve essere richiesta l'autorizzazione del Sindaco per eseguire le seguenti opere:  

a) opere di manutenzione straordinaria, come definite dalle vigenti leggi, o riguardanti 

intonacatura, coloritura, rivestimento, che non comportino l'uso dei materiali e delle tinte 

preesistenti;  

b) mostre campionarie provvisorie all'aperto;  

c) collocamento di elementi singoli ancorché a carattere provvisorio (tende esterne, lampioni, 

fanali, ecc.);  

d) protezioni stagionali;  

e) impianti di scarico e di depurazione di acque reflue di usi domestici, industriali, ecc. ove il    

Sindaco non notifichi all'interessato le Sue determinazioni, anche istruttorie, entro giorni 60 



dall'acquisizione a protocollo della relativa domanda, l'autorizzazione per l'esecuzione delle opere 

descritte nel presente articolo si intende rilasciata.  

Articolo 5 

Opere non soggette a concessione 

Non sono soggette a concessione le opere che non costituiscano trasformazione urbanistica ed 

edilizia del territorio comunale, quali:  

a)  le opere di manutenzione ordinaria, come definite dalle leggi vigenti, degli edifici; 

b)  la costruzione di baracche da cantiere.  

Articolo 6 



Opere eseguite dal Comune o dallo Stato 

La concessione edificatoria è necessaria anche per le opere che AI Comune intende eseguire. Il 

parere del Comune, richiesto dal c.2 dell'art. 31 L.U., per opere da eseguirsi direttamente dallo Stato 

o dalla Regione, deve essere dato con deliberazione conciliare, sentito il parere della C.E.E.  

Articolo 7 

Domande di concessione e di giudizio preliminare 

Le domande di concessione ad eseguire le opere elencate nei precedenti articoli, bollate a 

termini di legge, accompagnate dai modelli a stampa rilasciati dal Comune e corredate dalla prova 

dell'avvenuto versamento di tasse, contributi, diritti ecc., disposti a termini di legge o di 

regolamento, debbono essere indirizzate al Sindaco con allegati i disegni in CINQUE COPIE

compilati secondo le norme elencate nel successivo Art. 8, e con ogni altra documentazione, ivi 

specificatamente compreso il titolo della disponibilità edificatoria dell'area.  

Il Sindaco può richiedere un numero maggiore di copie degli elaborati di cui al comma 

precedente.  

La domanda e le copie di tutti i disegni debbono essere firmate per esteso dal richiedente e dal 

progettista e recare i rispettivi numeri di codice fiscale: alla domanda dovranno essere allegate 

dichiarazioni sostitutive, redatte in base ai modelli predisposti dal Comune, attestanti che tutti gli 

atti ed elaborati allegati alla pratica edilizia presentate e recanti la firma del dichiarante, 

corrispondono a verità.  

La domanda di concessione deve contenere l'elezione di domicilio del richiedente e del 

progettista, ai sensi dell'art. 47 Codice Civile. Il nominativo del Direttore dei lavori deve essere 

comunicato prima dei rilascio della concessione. La comunicazione deve contenere la dichiarazione 

di accettazione da parte dei designato.  

Il nominativo dell'assuntore dei lavori deve essere comunicato unicamente alla dichiarazione di 

accettazione, contestualmente alla comunicazione di inizio dei lavori.  

Gli eventuali cambiamenti delle persone del richiedente, del Direttore dei lavori o 

dell'Assuntore dei lavori, devono essere comunicati al Sindaco dagli interessati entro quindici 

giorni.  

Qualora la documentazione risultasse incompleta il Sindaco potrà richiederne l'integrazione, con 

le conseguenze di cui all'art. 31, c. 6 (ultima parte); L.U.  

10 


Il Sindaco chiede d'ufficio, ove sia richiesto da leggi speciali, il parere degli enti e degli organi 

competenti; della lista deve essere data comunicazione a colui che chiede la concessione, nel 

termine di cui all'art. 31, c. 6, L.U.  

Può essere chiesto al Sindaco un giudizio preliminare sul progetto di massima 

«planivolumetrico», che non equivale mai a concessione: e non è vincolante rispetto alla eventuale 

successiva domanda. E’ in ogni caso fatta salva l'applicazione di norme, anche regolamentari, 

entrate in vigore dopo la comunicazione di tale parere e prima del rilascio della concessione 

edificatoria.  

Articolo 8 

Norme per la presentazione dei progetti 

I disegni devono essere riprodotti in copia eliografica o simile e piegati nelle dimensioni di cm. 

21 x 31.  

Essi devono in ogni caso comprendere una planimetria della località, aggiornata sul posto, alla 

data di presentazione del progetto, in scala catastale che comprenda punti di riferimento atti ad 

individuare con precisione la località ove si intenda eseguire l'opera o collocare il manufatto 

progettato.  

Devono contenere lo stralcio del P.P.E. interessante, la località o, in mancanza, del P.R.G., 

nonché le servitù e i vincoli, di qualsiasi genere, relativi all'area in esame: ove le opere siano 

attuative di una lottizzazione, oltre alla dimostrazione che il richiedente ha provveduto agli obblighi 

imposti dalla relativa convenzione, dovranno essere allegati gli elaborati relativi.  

Sono inoltre da allegare ai progetti la documentazione fotografica dello stato di fatto, l'estratto 

autentico di mappa e il tipo di frazionamento di data non anteriore a sei mesi.  

Con riferimento alle singole opere previste dagli artt. 3 e 4, i progetti devono inoltre contenere:  

A)  Per le nuove costruzioni, anche prefabbricate c/o a carattere provvisorio:  

a) relazione sommaria redatta sul modello di cui al precedente art. 7;  

b) planimetria, in scala 1:500, rilevata topograficamente, con l'indicazione del lotto sul 

quale deve sorgere l'edificio, completa di tutte le quote orizzontali e verticali atte ad 

individuare l'andamento planimetrico ed altimetrico prima e dopo la sistemazione delle aree 

compresi i fabbricati esistenti nei lotti limitrofi con le relative altezze e distacchi, gli 

allineamenti stradali quotati, sia dei fabbricati che devono essere altresì riportate le indicazioni 

quotate della planivolumetria di progetto;  

c) planimetria, in scala 1:200, della sistemazione dell'arca, con particolare riferimento agli 

accessi pedonali e carrabili, agli spazi per il parcheggio e la manovra dei veicoli, alle aree a 

verde con le relative alberature, alle pavimentazioni, agli eventuali punti luce esterni ed alla 

recinzione: di questa ultima sono inoltre richiesti: sezione e prospetto tipo, in scala 1: 50, con 

l'indicazione dei materiali impiegati e sezione quotata, in scala 1: 1 00, dello spazio pubblico 

sul quale la recinzione prospetta;  



Do'stlaringiz bilan baham:
  1   2   3   4


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling