Il bullismo bullismo = … Prepotenze


Download 445 b.
Sana11.01.2018
Hajmi445 b.


Il bullismo


BULLISMO = …

  • Prepotenze

  • ripetute e continuate

  • tra ragazzi non di pari forza,

  • in cui chi subisce non è in grado di difendersi da solo.

  • Avvengono normalmente in un

  • contesto di gruppo.



Tipologie delle prepotenze

  • Verbali: prese in giro, insulti, offese, minacce.

  • Psicologiche: esclusioni, menzogne, false voci…

  • Fisiche: aggressioni, tormenti ripetuti

  • Altro: umiliazioni, scherzi pesanti, estorsioni, danneggiamento del materiale scolastico, ecc.



Strumenti del bullismo verbale e psicologico

  • Tradizionali: relazione diretta con la vittima o con i soggetti terzi

  • Elettronici: relazione con la vittima o con i soggetti terzi mediata da strumenti di comunicazione, es. squilli, telefonate, fotografie o video diffusi contro la volontà della persona...

  • NB: il cyb. indiretto è reato di diffamazione; la vittima può non conoscere l'aggressore



Segnali possibili sulla vittima

  • Lividi di origine misteriosa

  • Oggetti personali danneggiati o che spariscono

  • Sbalzi di umore improvvisi, pianti ecc.

  • Continui ritardi a scuola

  • Interruzione delle normali relazioni tra pari

  • Abbassamento dei risultati scolastici

  • Ricomparsa dell'enuresi [soprattutto sc. primaria]

  • Disturbi di carattere psicosomatico specialmente prima di andare a scuola [mal di pancia...]

  • Disturbi del sonno



Effetti sulla vittima nel breve termine

  • Timidezza, insicurezza, chiusura

  • Tendenza a ritirarsi dalle relazioni

  • Senso di vergogna, colpevolizzazione di sé

  • Caduta dell'autostima

  • Sensazione di impotenza e isolamento

  • Aggressività non risolutiva, desiderio di emulazione del prepotente, ricerca di attenzione

  • Desiderio di abbandonare la scuola



Rischi per la vittima, a lungo termine

  • Insuccesso o abbandono scolastico

  • Depressione

  • Vittimismo anche in altre sfere esperienziali

  • Ancora vittima / Trasformato in prepotente

  • Suicidio

  • Ma c'è anche la possibilità che esca dal ruolo, o che si trasformi in difensore dei compagni...



Rischi per il bullo, a lungo termine

  • Insuccesso o abbandono scolastico

  • Perdita o assenza di relazioni importanti

  • Devianza, problemi con la giustizia

  • Ancora prepotente, ma in modo “socialmente accettabile”

  • Ma c'è anche la possibilità che esca dal ruolo, o che si trasformi in difensore dei compagni...



I ruoli nel bullismo



I protagonisti

  • Vittima: passiva, provocatrice.

  • Bullo: leader, gregario, sostenitore;

  • Astante indifferente;

  • Difensore della vittima.



Le molte ragioni dei “bulli”

  • Stare al centro dell'attenzione

  • Riscattare un'esperienza di vittimizzazione precedente o parallela

  • Ottenere consenso sociale

  • Sentirsi “rispettato” / diventare inattaccabile

  • Ridotto sviluppo del senso morale

  • Mancato contatto con le proprie emozioni

  • Incapacità di mettersi nei panni dell'altro



I “bulli”: famiglie possibili...

  • Incapaci di dare regole e limiti ai figli

  • Poco presenti dal punto di vista affettivo

  • Ci sono prevaricazioni verso i figli, o tra i genitori in presenza dei ragazzi

  • Aderiscono ai valori del bullismo



Le “vittime”: famiglie possibili...

  • Molto coese, protettive, chiuse

  • Invischianti, contraddittorie

  • Pretendono il massimo, squalificano le manifestazioni di debolezza

  • Ci sono prevaricazioni verso i figli, o tra i genitori in presenza dei ragazzi



Non sono possibili DETERMINISMI: il bullismo è una dinamica di gruppo



Dall'infanzia all'adolescenza...



% di ragazzi coinvolti

  • % di ragazzi coinvolti

  • l'intensità delle prepotenze



Cambia la natura delle prepotenze

  • Aumenta la capacità di contenere l'aggressività

        • b. fisico,
        • b. psicologico
  • Aumenta la disponibilità di mezzi

        • b. elettronico


Cambia il valore delle prepotenze

  • Aumenta l'importanza del gruppo dei pari

        • il bisogno di sentirsi uguali
        • la capacità di sentirsi “diversi”
        • la funzionalità di avere un capro espiatorio
        • i difensori dei più deboli
        • l'indifferenza degli astanti
  • Cambia il rapporto con gli adulti

        • le confidenze
        • le richieste di aiuto


Passa il tempo...

  • I ragazzi accumulano esperienza di vita scolastica e di gruppo, si sperimentano nel rapporti con tanti adulti...

  • I ruoli, quando persistono, tendono a diventare più stigmatizzanti e strutturanti

  • MA

  • I ruoli possono cambiare




Do'stlaringiz bilan baham:


Ma'lumotlar bazasi mualliflik huquqi bilan himoyalangan ©fayllar.org 2017
ma'muriyatiga murojaat qiling